Milano, 27 dicembre 2017 - Ogni Nadal  la mia mamma la cuntava ona poesia che la me faseva piang. Me la recordi anmò adess a distanza de 72 ann (l'era appena finida la guerra e nel '45 serom tornà a Milan depeu vess stà' sfollà a S. Paolo al Tagliamento, allora provincia de Udin, peu de Pordenone e adess che i provinci gh'hinn pù se sa no in doa l'hann miss). «Piange e non trova nulla/ ne dentro la calzetta ne sopra la sua culla/ e piange sempre più/ mamma, che m'ha portato il Bambino Gesù / La mamma ha rossi gli occhi/ fuori la neve cade lenta a morbidi fiocchi/ comprende, poco male/ un bacio tuo mammina/ rende dolce il Natale». A pensà e vedè quella mamma che la piang e el so fioeu che el capiss, pensi a tucc i fioeu d'incoeu che se contenten mai, e a quej che come quell lì “comprenden”, me metti in commozion.

E a proposit  de la commozion i me nevod, la nott del 24 depeu avè scartà i regaj, prima de addormentass vers i tre or, s'hinn radunaa e m'han dit: «Nonno, perché non ci racconti una storia, di quelle che sai inventare tu Magari una storia d'amore». Eren lì tucc e quatter (Andrea, Angelica, Maria Vittoria, Càrola) in età decrescente, la pussè piccola in grado de capì pocch dato i so' desdott mes de vita, cont la bocca averta, come uselitt che aspetten la mamma o el papà cont el vermin. Podevi no refudamm. Un'occasion del genere quando mai la me saria capititada Avaria comunque dovù spettà on ann. E intrattanta quanti robb podeven succed! I hoo vardà cont on sorris intant che cominciavi . «C'era una volta…» «Nonno» el me interromp l'Andrea «perché non ce la racconti in milanese Vogliamo vedere se riusciamo a capire». Davanti a ona richiesta simil podevi andà avanti a cuntà in italian Hoo subit taccà «Gh'era ona volta ona mamma con duu fioeu, sposada da on po' de ann. La donna la stava benin, l'era el marì che el gh'aveva on grave disturbo ai rènn. No, l'è minga la storia de Babbo Natale che la nott del 24 el sta' per montà in la slitta quand el se accorg che i renn a hinn tucc voltà in sù con i gamb all'ari. El ciama on veterinari e el ghe dis de fa' on quaicoss perché a mezzanott el dev consegnà i regaj. El veterinari imbocca ona pinoletta a tutti i renn che se giren subit “Cossa te gh'et dà ” Domanda meravigliaa Babbo Natale. El veterinari el ghe dis: “Voltaren”». «L'ho letta su uatts app» el fa l'Andrea. «Fa' nient. L'era tropp bella per cuntala no». Donca, sta mamma la decid de iutà el papà cont ona donazion. Appunto on ren, ma minga quell de on mort che l'ha lassà i orghen per chi ghe n'avess bisògn. El so'. Da viva. Ona donazion portentosa. La decision l'ha lassà on po' de titubanza tra i parent strett, ma Federika, la mamma, la voreva che tucc rispettassen la soa scelta, la soa risoluzion.

E, d'accord cont Massimiliano, so' marì, l'ha faa tucc i visit possibil per calcolà l'ipotesi de la donazion. «Ma, nonno…» stavolta l'interruzion l'era rivada da Angelica «… c'era compatibilità » Che la tosa de des ann la fodess in grado de parlà con 'sta proprietà de linguagg l'era ona sorpresa. Ma al dì d'incoeu se dev aspettà de tutt dai fioeu. La television, i liber, l'educazion impartida, la gente che la parla de tutti i argoment senza pensà de dà scandol, l'è adrè a fa diventà adult i giuin prima del temp. E duu dì prima de Nadal i do' operazion, tolt el rene a voeuna e miss denter all'alter, chirurgicament andàa ben, gh'hann permiss el dono pussè bell che podeva vess pensàa. On atto d'amor tra marì' e miè tra i pussè bej. Ona donazion che a pensagh sora l'era no domà commoventa ma de fa string el coeur fina ai lacrim.

La tenerezza  tra i do' la te ciappava. Voeuna in ona stanza e l'alter in on altra se cercaven al telefono per ringraziass, per esprimm la felicità, per mettegh sora amor su amor. Peu lee, la mamma, Federika, subit el dì dopo, per ordin del chirurgo l'ha cominciàa a camminà lentament, cont l'aiut de la soa de mamma, Maria Grazia, che l'era lì apprensiva dal dì prima, e l'è rivada fina a la camera del so omm, Massimiliano. S'hin vardà, senza fa 'na piega, lee la s'è sentada su ona cadrega missa lì visin al lett, s'hinn ciappà per la man, lu ghe l'ha basada con delicatezza e lè pariment l'ha faa l'istess. El pacchett l'è stà disfaa, via la galla, via la carta, derbida la scatola, el rene l'è rivà a destinazion. El nonno cont on suspir el canta «A lee ghe manca on tocch/ ma denter el corp de lù/ gh'è on orghen ch'el funziona/ el sona insema a tucc e duu/ ognidun cont ona mezza tastera/ e tucc duu a stànn in pè e canten al Signor/ ona preghiera/ on grazie con amor». Finida. «Nonno» l'è Maria Vittoria a interromp «sembra una storia vera». El nonno el varda i fioeu cont i oeucc umid. «Chissà! Ma se la fudess vera, la sarìa considerada ona gran storia d'amor». La Càrola l'ha fa 'na ridada argentina. I nevod l'han guardada divertii e hann cantaa “Gloria nei cieli e pace quaggiù, tra il bue e l'asinello è nato Gesù”. L'è el final de ona canzon on po' licenziosa cantada da I Gufi, ma chi la s'è incastra che l'è ona meraviglia. La canzon Quella no, ma on altra che la esprimm l'ironia del Nadal. I paroll a hinn del Nanni Svampa: «A mio papà due cravatte, ne bastava anche una/ non ha messo su nemmeno/ quella dell'anno prima/ a mia mamma guanti lunghi/ di riguardo in seta nera/ sì però dovrei convincerla/ ad uscire qualche sera/ Evviva il Natale ci vogliamo bene/ fra un po' c'è Capodanno/ auguri di Buon Anno/ Poi verrà l'Epifania/ tutte le feste le porta via (2). Per te un foulard sportivo/ Un profumo con due dischi/ Oh madonna che distratto/ non hai il giradischi/ Tu m'hai regalato un trench/ sembro un commilitone/ Non si può neanche cambiarlo/ era una liquidazione / Evviva il Natale ecc. Stamattina ci han chiamati/ nell'ufficio del padrone/ siamo usciti, indovinate/ con in mano un panettone/ meno male che è piccino/ pare sia congiunturale/ forse non è neanche il caso/ di inchinarsi e ringraziare: Evviva il Natale ecc. Nelle sedi dei giornali/ si preparano i cenoni/ per un giorno mangeranno/ anche i poveri e i barboni/ per calmare la coscienza / e non aumentare il rischio/ si fa nascere e morire/ il giorno dopo Gesù Cristo. Abbasso il Natale/ aumentano le spese/ fortuna che non viene/ trenta volte al mese/ Poi verrà l'Epifania/ tutti i vecchi li porta via ( + volte, a morire).