Milano, 5 ottobre 2017 - Il 16 ottobre del 1387 la Veneranda Fabbrica del Duomo approva il suo primo regolamento. Per ricordare questa ricorrenza, ogni anno, a ottobre, la Veneranda rende omaggio alla musica sacra con una rassegna per valorizzare le voci della Cappella Musicale, le maestose sonorità dell’organo.

Cinque concerti, da oggi al 26 ottobre, quattro nella cornice del Monumento e uno all’interno della splendida e piccola chiesa di San Gottardo in Corte, Cappella del Palazzo Reale, interamente restaurata dalla Veneranda Fabbrica in occasione di Expo. La musica continua il mese successivo, a partire dall’11 novembre, ogni secondo sabato del mese, dalle ore 16.30 alle ore 17.15, nell’ambito “Vespri d’Organo”, l’organista titolare del Duomo Emanuele Carlo Vianelli, il vice-organista Alessandro La Ciacera e numerosi organisti ospiti, si misureranno con le tastiere dell’organo, il più grande d’Italia, composto da oltre quindicimila canne.

Concerto inaugurale questa sera in Cattedrale alle ore 19.30, ingresso libero a partire dalle ore 19, protagonista Emanuele Carlo Vianelli, musiche di Johann Sebastian Bach, Marco Enrico Bossi, César - Auguste Franck, Charles - Marie Widor, Louis Vierne. Il 12 ottobre in onore del nuovo Arcivescovo, Monsignor Mario Delpini una selezione di “Canti della liturgia ambrosiana” eseguiti dalla Cappella Musicale del Duomo, diretta da don Claudio Burgio, musiche di Franchino Gaffurio, Michelangelo Grancini, Giuseppe Sarti, Salvatore Gallotti, Luciano Migliavacca, Claudio Burgio. La musica sacra attraversa i secoli: il 19 ottobre, Alessandro La Ciacera, secondo Organista del Duomo eseguirà musiche di Olivier Messiaen, Claude Debussy, Louis Vierne.

Imperdibile il 24 ottobre la“Missa se la face ay pale” di Guillame Dufay con l’Ensemble di Musica Medievale della Civica Scuola di Musica “Claudio Abbado” di Milano. Il 26 ottobre nella chiesa di San Gottardo in Corte “Cantate Domino Canti monodici e polifonici da Ambrogio al Seicento”, una selezione accurata di autori, fra cui Franchino Gaffurio, Pierluigi da Palestrina e Tomás Luis de Victoria, che hanno segnato la musica sacra e il repertorio ambrosiano, di nuovo in scena la Cappella Musicale del Duomo diretta don Claudio Burgio.

La scelta del programma dei concerti è sensibile e importante, oggi più che mai per amare la musica classica e non solo, è importante riscoprire la musica sacra che, introducendo la spiritualità, la voce come suono puro, ha dato le basi alla grande tradizione musicale dell’Occidente. Ascoltiamola nella cornice per cui molti brani sono stati scritti ed eseguiti nel corso del tempo, tra le navate gotiche, le cinquantadue colonne emblema della storia della città.

(Nelle foto: da sinistra Alessandro La Ciacera, vice-organista; al centro il coro La Cappella Musicale e a destra Emanuele Carlo Vianelli, l’organista titolare del Duomo).