Milano, 5 novembre 2017 - Se dev no pensà de fa on articol su on dato argoment perché subentra semper on quajcoss che te costring a cambià idea. Incoeu, per esempi, vorevi parlà de la presentazion d’on liber intitolaa “Facce da…spettacolo” a la biblioteca de Vares per l’Università della Terza età che do settiman faa la m’ha ospità all’Università Insubria, a fianc al Teater, minga l’Impero in doa seri andà per on quaj ann insema a tanti “compagnie”, ma quel cont i cupol che sembren gazebo piazzaa sul tecc. La sciora Pina, professoressa factotum, la dev aspettà al prossim liber. Tant on quajcoss, de furb, l’hoo giamò dit.

Ma perché ‘sto cambiament improvvis?! Perché a Milan gh’è in atto ona manifestazion che la dura des dì ciamada JazzMi, che in bon milanes podom ciamà GiassMi. L’è cominciada ier sera allo “Spirit de Milan” on grand local ricavaa da ‘na cristalleria in via Bovisasca 59 (cinquantanoeuv). Ambient fantastic, modellaa a la milanesa, in doa te sentet el ver spirit meneghin. El so’ direttor, manager (se dis inscì, no?) Luca Locatelli, t’el troeuvet tutti i ser, l’è l’anima del local. El s’è trovà sta’ bomba in di man e l’ha savu sfruttalla in pien. Duu salon grandissim, mai cambià de quand gh’hinn pù i operari del veder, ristorazion, servizi a la casalinga, grandi taoloni per anca vint personne, senza possibilità de intimità, se te voeuret appartass tel devet fa’ visin ai alter, sentì i cicciarad dei visin e fa i to’, cont la preoccupazion de vess scoltaa. L’è on bel esercizi per la cosiddetta privacy e ve assicuri che se voeurìi, sarii bon de crealla, de veghela.

Chi gh’era? Ona bend ciamada Chicago Stompers che la sonava el repertori di ann ’20 e ’30. La presentazion scritta le ciama “hot Jazz” rovente, e per dilla in tutta franchezza l’era propri rovente, brios, spumeggiant come la banda che le sonava. El pubblic, pien pien, el ballava, el cercava de suingà, el ghe metteva anca i giravolt del bughi vughi. Insomma on divertiment unic. Ma per mi e per la Raimondi anca ona commozion. Ospite d’onore, feat (ingles) Lino Patruno. El me compagn, el Gufo per ann, el compositor de tanti canzon scritt de mi, dal Nanni Svampa (l’avevom celebràa la mattina al Famedio cont la iscrizion del so’ nomm tra i benemerit de Milan), e dal Gigi Lunari (present anc lu al concert). Ona rimpatriada. Ona memoria te tanti serad passàa insema a ca’ mia, anca senza necessariament laorà, on’amicizia cominciada nel 59, finida la “Filodrammatici”, quand seri diventàa fans de la soa Riverside. Gestivi allora el Teatro del Corso insema a on quaj me compagn de Accademia. L’era ubicaa sotta el Bar delle Tre Gazzelle, in corso Vittorio Emanuele, de fianc al Cinema Corso che el gh’è pu. 130 post diventà dopo on quai ann sede dell’Intra’s al Corso. Cantavom sul palchscenic e depeu la Caterina Caselli la se esibiva cont la soa bend.

El teater l’era stà’ derbì cont ancamo’ i cesaa de la MM rossa in costruzion. Tra i commedi che rappresentavi ghe n’era anca voeuna intitolada “USA” de Dos Passos, con la regia de Franz Dama. La pièce (se dis insci in frances) la sembrava Cabaret, per l’impostazion, la regia, l’interpretazion (Miriam Crotti che la faseva ona Isadora Duncan impareggiabil), el moviment scenic determinaa da la musica, tochej de giass celebre che Lino Patruno l’aveva ricercàa in di so’ disk de vegia generazion. Ecco. El Patruno, 82 ann, a sonà come quand ghe n’aveva 20. Gh’hoo domandà se l’era emozionaa. El m’ha rispost: “Quand a gh’hoo la chitarra in man, o el bengio, me senti on leon”. E Leon el se sentì anca Enrico Intra, ma che grandi amis che gh’hoo!, a sonà la sera dopo a la Gesa de la Madonna della Medaglia Miracolosa.

La par ona balla, ma ogni canton de Milan el gh’ha ona storia cont me. De proprietà de la gesa l’è l’ex cinema Lucania, che adess l’è diventà on Teater. E mi gh’hoo laora’ e per famm pubblicità, insema a on me amis egizian, ho girà la zona negozi per negozi, da la Porta Romana, per cors Lodi, piazzal Lodi, piazzal Corvett e tutti i strad intorna, compresa la via del Municipi quatter, compres el Teater in doa gh’è stàa per ann el Piero Mazzarella cont el fradel Rino Silveri (Della quattordicesima), a taccà locandin per i me spettacol. E adess te troeuvi quel gigant de la tastera e del Giass che el se ciama Enrico Intra, el fondator del Cabaret a Milan, al famos Intra’s Derby Club. In Gesa? Si. “Canti gregoriani e spiritual sostenuti dal pianoforte elegantissimo del grande maestro milanese che ancora una volta polverizza gli schemi formali e le barriere tra musica accademica e Jazz contemporaneo”. Roba da pell d’oca. E per conclud i me visit, podevi minga andà in tutti i local in doa faseven giass (teater, ristorant, banca, bibliotecca, giardin, monument), on corsa all’Auditorium de largo Mahler, cont la Raimondi e el me amis Stefano Bondioli che l’ha impientà el so’ studi cinematografic propri su la chiusa leonardesca de via Ascanio Sforza, a sentì Stefano Bollani.

Varda ti, quand l’Auditoriunm se ciamava Teatro Massimo, mi gh’avevi rappresentà ona memorabil “Vedova Allegra” (gh’eren no i fari de adess) con 350 punti luce che cambiaven el color di scen: primm temp rosàa perché la vicenda la se svolg all’ambassada del Pontevedro; second temp, verd perchè semm nel giardin de la cà de la Vedova Anna Glavari, allegra e canterina; tèrz temp, ross, perché semm da Maxim tempio del peccàa: carna e champagne. S’eri el comic e dovevi cuntà per forza ona storia. «Conte Dànilo, l’altro giorno ero seduto nello scompartimento di un treno, davanti a me un signore, leggeva il giornale, coprendosi la faccia. Io pure leggevo il giornale nello stesso modo. Ad un certo punto lo abbasso e vedo che il signore mi sta osservando. Lo guardo interrogativamente e mi dice: Bello! Alzo precipitosamente il giornale e lo riabbasso. Il signore mi stava ancora guardando. Mi ripete: Bello! Spaventato corro nel corridoio, chiamo il capotreno e gli dico: nello scompartimento davanti a me c’è un signore che mi guarda e dice Bello». Dànilo - «E il capotreno?» «Non è vero, Bellissimo!» Ma tornemm al Bollani che già in ona trasmission televisiva l’ha cantà de Brivio/Albertarelli “La ballati dille Caselinghe”. Bollani l’è on fenomeno cont on seguito de pubblic strabordant. El libret di spettacol el dis de lu: «Ha così tanto talento che non sa più dove metterlo». L’ha mis, ieri sera, l’ha mis sul palchscènic. «Per lui il Jazz è l’immane gioco con cui reinventare continuamente il mondo».

brivio.roberto@yahoo.it