Milano, 15 ottobre 2017 - Se se tratta de santificà i fest cont la gita, semm pront a saltà su in pè anca ai quatter de la mattina, ciappà el pulmann, el treno, la macchina, el monopattino, per andà foeura porta, in montagna, al lagh, o, cont i danè in esubero, usà l’aereo per on quaj spostament pussè de noblesse oblige. I religios osservant la santifichen andand a Messa. Ona volta gh’eren anca i funzion del dopomezdì, i vesper. I me genitor me mandaven all’oratori de San Gregori in via Settala, e lì giugavi ai cicch (biglie), ai figuritt (spana e tucch) a pallacanestro, ai cart. Ai trii e mezza gh’era catechismo, ai quatter la funzion in gesa, a volt i vesper per inter, e dopo, el cinema con i film de cow boys e indian “arriven i noster”, e a la fin i proeuv per ona recita fissada alla prima gran festa de la parrocchia, cont on para de manifest 70x100 disegnàa da on certo Marco Visconti, important perché el laorava alla Pagot film. L’è propri andand a trovall per saludall che hoo conossù Ario Albertarelli che el sonorizzava i carton animàa e cont lu hoo scritt quei canzon macabre-cimiterial che han caratterizzzàa I Gufi fin dal primm vagito. Disen che el mond l’è piccol e bisogna constatà che l’è propri vera. Ogni tant se telefonomm con l’Albertarelli (83) per ricordà el moment del “Vorrei tanto suicidarmi/ad un albero impiccarmi/di stricnina rimpinzarmi/ la carotide tagliarmi/ o dal ciel precipitaarmi/ Vorrei tanto suicidaarmi/ dentro il ghiaccio congelaarmi/ ma soon timido e non oso/ e perciò doman mi sposo/l’emozione è quasi ugual / Apro quel becco di gas/ mi butto sotto a un taxi/ mi lego al collo un bell sass/ ma son già rassegnato a scampar/ Vorrei tanto suicidaarmi / e dal mondo congedaarmi/ vorrei togliermi la vita/ e così farla finita/non so più che mezzo usar/ forse con l’alta tension/ o tra le ruote di un tram/ se fortuna un giorno avrò/ suicidarmi alfin potrò/ e un cadavere sarò” . Per sentilla cont la musica basta andà su you tube, cercà I Gufi o I Gufi a colori, e tra i 150 canzon che riguarden al noster moment gh’è anca Vorrei Tanto. 

Pensi, e come mi la pensen tanti alter che incontri ai mè spettacol, che la canzonetta l’è ancamò attual, del dì d’incoeu. Domà che adess gh’è la mania del suicidio e sarà perché i tv divulghen i notizi a tav (alta velocità) sembra che ghe ne sien pussè de i ann sessanta quand i giovin eren proiettàa a fa’ di robb per guadagnà on post ne la società. E doveven slargà i gombet per fass strada in mezz ai alter, forsi cont meno opportunità d’incoeu. E dopo? Adess tutti pensen al dopo, a cossa ghe lassem. L’è vera. A hinn in mezz a ona società che la s’è ruinada per la corsa ai danè, per robà, per consumà l’argent pubblic in affari privati. Semm tra i macèri de on mond che el sta’ no in pè perchè l’ha minga savù sfruttà la pas, anzi l’ha sfruttada cont la guerra, cont l’odio, el desideri de accumulà. On mond che l’ha slongà la vita senza pensà al temp liber, a come occupall, a come occupà i pensionà senza abbandonai. E inscì, per riprend el discors de la festa, l’è propri in quell dì che se sent la mancanza de ona educazion a passalla ben, polito, anca restand in città. Ogni tant gh’è on quaivun che el organizza on quaicoss per fa parlà i giornai, per mostrà a la gent che gh’è on ramo de la cultura del ricordo ch’el funziona. Giuseppe Ferdico e Erica Monteneri. per esempi, hann organizzaà cont Masto, direttor e president dell’Istituto dei Ciechi, propri in via Vivaio, on pomeriggio a ricordo del Derby. L’ha ciamà l’Enrico Intra, fondator dell’Intra’s Derbi Club,el primm cabaret d’Italia, e el gh’ha dit de mett in pè el spettacol. Intra l’ha ciamà el Roberto Brivio e el ghioeugh l’è stà tratt in pè. Incoeu dai trii (quindici) gh’è el spettacol. Ingresso libero, sala Barozzi, via Vivaio 7, Milano. Dopo Roberto Brivio e Grazia Maria Raimondi ghe sarà Enrico Intra, i alliev de l’Università del Jazz che lu el dirig, Paolo Rossi, i pupazzi di Velia Mantegazza e el vocal quintett Alti e Bassi (bell nomm, sic). E nell’hinterland se gh’è? Appena foeura de Milan, a Paderno D’Adda, tant per fa’ on nomm, gh’è la Festa del Ponte. Quel pont de ferr, fantastic, tra i pocch al mond cont ona campada sola. Cantaroo insema alla Grazia Maria Raimondi, accompagnàa dal Sergio Ferrari cont el so accordèon, i canzon de I Gufi, dell’Operetta, popolar, nel piazzal del Comun, per ona festa ideada e seguida da Simona Nava, nomm d’arte Simon Ship, ona dona che la saltabecca tra ona Mostra e l’altra, tra ona festa e on altra, tra on spettacol de cinema e vun de teater. Ona vita passada a pensà, a organizzà. Domenega completada e subit se dev pensàa al Lunedì. 

Quand te devet fa on quajcoss te gh’et nanca temp de scervellass su la giornada che per tanti l’è nefasta, uggiosa anca col sol, longa, cont i promess del dì prima nanca sulla linea de la realizzazion. E mi, e nunc de fa ghe l’emm. Semper per beneficenza (on ann ne hoo contà 120, ona vera e propria occupazion) gh’è de affrontà la donazion del sang. L’emm giamò fada, cont do carross tiràa da duu cavaj l’una. Stavolta i cavaj a tirà ona carrossa sola sarann quatter. E mi in pè, attent ai scossoni, cont on megafono gridaroo “ Donate il sangue. Una goccia di sangue può salvare una vita . Avanti sciori e sciore, giuvinott e tosann, ona gota de sang e on malàa el sarà beneficaa. Forza, andì al Sacco. Ve spetten. Da vun a vundess liter, el preliev el sarà no doloros. Chi l’è che el organizza sti spedizion? Chi l’è che el gh’ha la forza de trovà i cavai, i brumista, i politich, i attor, quej che vosarann(mi) che cantaran (la Raimondi,), ma lù! semper lu, l’infaticabil Renato dal Compare che questa volta el se contenterà domà se el sang raccolt el impienisserà cinquanta grand damigian. Ghe sarà el Direttor general di quatter ospedal (Sacco Buzzi, Fbf e Macedonio Melloni) Claudio Sole e l’alter direttor Alessandro Visconti. Mi cantaroo ona noeuva canzon. Invece de dì “Chi è che dis ch’el vin el fa mal” disaroo “ Chi l’è ch’el ten el sang in del corp/a tegnil denter /a tegnil denter/ chi è ch’el dis ch’el sang in del corp/ a tegnil denter el porta a la mort/ io ne ho donato tanto/ e non mi ha fatto male/ denter tutt el fa male/ te podet rifassel col vin. Uei che la vaga ben, che la vaga mal, siamo el fior de la gioventù, pensa a donare il sangue, pensa a donare il sangue, uei che la vaga ben che la vaga mal siamo il fior de la gioventù / anca se te ciamen vecc, dona anche tu!”