Milano, 10 ottobre 2017 - So giamò che dopo ona quaj riga on lettor qualsiasi l’è bon de dì: “Insomma, el gh’avarà tanti argoment ma lu el se mett in tucc!” Rispondi anca senza approfondì l’esclamazion. Hoo debuttàa nel 59/60 cont in saccocia el diploma de attor. Hoo fàa, quindi, 57 ann de teater. Ona vita, passada in tutta Italia e on po’ anca all’ester. Me ne saran capità di robb! avaroo incontràa tanta gent! ghe saran stàa episodi positiv e alter negativ! Beh, cunti quej che me ricordi. In tutti i campi: teater, cinema, television, viagg, trasfert, avventur, anedottica, scritt, disc, sonad, cantad, teater avert, local vendù, magazin con denter 2000 costum, scen de almen des spettacol, trovarobato (dai fior de stoffa ai cubi de polistirolo, de tutt), liber scritt e leggiùu, almen quatter scalon de scena, ona vintena de quinte, scarp, accessori, financa la bijouteria comprada dal Bozart, calz a ret del ballet (ne hoo mis in pè ona donzena) e manifest de tutti i spettacol, e copion, part strumental, ona stravaccada de roba che la sta minga domà in tri magazzin, ma anca in del cò, me ricordi tutt, anca l’impiantistica, senza cuntà la merchandise che m’hann robà, che hoo perdu in di traslocch, che hoo lassàa in deposit de fortuna, anca on proiettor, ona moto che la va no, do biciclett che van, basta pedalà, e ona batteria.

E a proposit de batteria hoo conossù on batterist formidabil, Paolo Pellegatti, che l’insegna “Nel centro della Musica” a Cusan Milanin. Ghe sont andà col me amis Andrea Magro per impostà on ciclo de lezion per l’insegnament pratic de la recitazion, de la dizion (el bon parlà), e de duu laboratori teatral per i fioeu. Chi l’è el President de la scola “Nel centro della musica”? El Paolo Pellegatti! batterist e come hoo dit insegnant de batteria; e chi l’è l’amministrador? Beppe Iapitino! che el sona anca lu batteria. Sont anda a visitaj cont l’Andrea Magro, che el sona no ma el fa l’organizzador de profession, e m’han fàa vedè la scola. Al second pian de on edificio visin a la stazion de Cusan Milanin, ona donzena de stanz, insonorizzàa, cont denter strument de ogni tipo e l’ immancabil batteria. Minga voeuna, almen des. Grande affluenza de alliev che studien la batteria fondalmentalment e/o alter strument, dall’arpa, al violin, da la chitarra ai tastèr, dal contrabass a la tromba…no, la tromba no. Bellissima de sonà, ma complicada nel linguaggio. Sì, perché se te domandet a on musicista “Te set in orchestra” “sì” “Cossa te sonet?” “la tromba” “Quand’è che te l’et sonà l’ultima volta” “L’alter ier a on matrimoni. Hoo fàa ona trombada!”.

Beh, devi cuntav che la prima esperienza de professionista, appena finida l’Accademia del Filodrammatci, l’è stada ona serie de concert organizzà da Gill Cuppini, batterista che el saveva el so’ mestèe. Gh’eren anca Basso e Valdambrini. Do jazzmen de prima categoria. Mi presentavi el spettacol insema a Laura Efrikian, minga ancamò sposada a Gianni Morandi, e gh’era cont mi el me compagn de corso Umberto Tabarelli e Romano Battaglia, giornalista Rai e scrittor. Che concert! Tutti i osterij de Milan (anno ’60), trani cont balera che gh’aveven el palch scenic. Gh’era anca quell che poeu l’è diventà lo Zelig, coi finester che daven su la Martesana. Adess el local l’è ancamò nel stess indirizz de la Cooperativa, e al primm pian ghè el Jumping Jazz che al Sabet sera, organizzàa dal Walter Ganda, el ved passà in la soa sala jazzisti de fama. 

Avii capì quel che te vegn in ment cont la batteria? Praticament ona pagina de color. E là a fann el Jazz Ball. E tra i balloeur gh’hinn quej che animaven l’Aretusa, in doa a Milan el s’era piantà l’esistenzialismo, insema al Dossena, Gianni Snodo, Jack la Cayenne, e alter. Vecc ma ancamò che Boogie Woogie! E allora ve annunci che Giovedì 12 Ottober al Teater Splendid de Bollate- Milano, alle 21, ghe sarà on concerto intitolàa “La lunga notte della batteria” organizzà da la scola “Nel centro della Musica” in doa el Paolo Pellegatti el sonarà insema a Tullio De Piscopo e ad alter 18 batteristi. Chissà che rebelott! Ve foo vedè anca la locandina, perché la sarà ona nott particolar cont on numer imprecisà de strument. Ho ancamò de capì se i special guests hinn toast o piadin cont denter el cott col formagg. El scopriroo duranta el spettacol tra on colp de grancassa e on sbattiment de piatt. 

Ma per tornà a la Batteria, me recordi che recit a eren organizzàa dall’Umanitaria quand ancamo’ l’era ona scola per tanti mestèe compres quell del tipografo e che la faseva arte varia e teater col nomm “Teatro del Popolo”. Oltre che presentà, mi recitavi on monologo del Zucconi cont, per sottofondo, la percussion de Gill Cuppini. Tra ona settimana la reciteroo cont almen dodes batterist de la scola, guidàa dal Pellegatti, per mettela in del film che sont a drè a girà cont Guido Veronesi, tecnic cinematografic de la maledetta. El film? Ona invenzion continua. I batterij sistemà in localitàa divers de Milan e hinterland, sonaran minga tutti insema ma second quell che disaroo mi intant che leggi el monologo. Tel chi. L’è sceneggiàa e pront per la ripresa. Brivio al leggio: “Sorry, io entro così, senza melodia, sono la batteria. Sono figlia del tamburo” (on batterista el sona con leggerezza el rullante, fina a rivà al tambur central. L’è inquadràa el pè che el pesta cont leggerezza) “Oh, mio padre, mio padre, che stile, che talento. Amava Shakespeare, sì. Non c’era morte in Shakespeare, non c’era attesa di morte, di eroe o di fanciullo, per veleno, pugnale o malasorte, senza l’implacabile rullo. ( colp de tambur central, lent, trist) “To morrow, and to morrow, and to morrow” (Brivio parla cont la cadenza del funeral) “Poi venne la mammà: mia madre era un tam tam. L’Africa.

L’avventura…il connubio fu là nella foresta” (riproduzion esatta del tam tam, quel dei Bandar de l’Uomo Mascherato) “Diridirigamba, diridirigamba, luana bà, luana bà. (silenzi) “Notte di cupa foresta. Nacqui e fu lo scandalo. (rullante ch’el cress insema a ona recitazion quasi affannosa) Via la meticcia/ la mulatta/ io la batteria/ la matta/ via via sulla via del mogano/ del sandalo/ sulla via degli schiavi/ sulla via dell’avorio/ ogni conservatorio è per me Little Rock (colp de piatt final e depeu la batteria la fa on moment de bravura e a la fin Brivio toeù su de noeuv la lettura) “Scusatemi lo choc” ( ouche) “Sono figlia del tamburo” (touche) “e di un tam tam” (serie de touche, a ogni cesura) Son come la mano/dell’uomo africano/ bianca la palma e nero il dorso/ sì padrone/ come la mano dello schiavo/ che batte, batte, batte ancora/ fino all’aurora/ batte-batte/ sopra le latte/di benzina vuote/ dei suoi padroni/ che l’uomo dalla pelle bianca/ chiama tanca/ da cinque galloni” (ancamò tòcch de bravura) “Lasciatemi, vi prego/ esser una volta sola/ romantica come il violino/come la chitarra/ come la mandola/ fate una canzone/ dove c’entri l’amore/ io e la luna/ io e il cuore/ io e la passione/ fate anche per me una poesia/ anche per me/ la mulatta/ la matta/la batteria. (G. Zucconi) 

brivio.roberto@yahoo.it