Milano, 5 ottobre 2017 - Con il suo sguardo affilato in decenni di satira, esercitata come attore, scrittore e chansonnier, Brivio illuminerà angoli della Grande Milano di oggi: i suoi vizi, le sue virtù e soprattutto la sua gente, da raccontare con irriverenza e tenerezza, come sa fare lui. E in lingua madre: il dialetto milanese

Sont stà ciamà per fà att de presenza a la commemorazion de Nanni Svampa in Consili Comunal, ai quattr’or de Lunedì passàa. Puntual me on figh (hoo sentì parlà de pontualità in tanti maner, ma quella de paragonà la precision ai figh me arriva noeuva) s’eri là a ciappam on altra ondada de emozion. Si perché se nissun le sa el consili tutt el se alza in pe’, el Sindich o quell che fa le sue veci el legg el panegiric e depeu l’osserva el minut de silenzi. Ecco, l’è propri quell ch’el te lassa sbalordì. L’hoo provà do volt, voeuna per el Piero Mazzarella, l’altra per Nanni Svampa. E depeu làssen cinq minut per faà in moeud che i parent sien saludà dai consilier, assessor e alter che voeuren fall. Appuntament a November per l’iscrizion al Famedio tra i cittadin illuster. Quand me sont trovà de per mi, in metropolitana, nella confusion el cordoglio el se spantega e allora la mia ment, matta, la se mett a pensà. Ma el mort, la ved tutt sto cerimonial? L’è lì visin come in dei film che te l’è accanto a la mie’ o a on quaj amis, nel cas del Nanni cont la bombetta da Gufo? Oppur l’è talment lontan sperdù nella Galassia del Paradis, su ona nivola cont i collega, parent, amis mort prima de lu a bev el caffè cont Crozza?

Ignaro del quell che el Comun l’è a drè a fa’ per lu? No, perché se le savess el puntaria el dit a sto’ scior che se moeuv dopo la mort per dì “perché t’è minga rispondu quand da viv te fasevi quel progett su la canzon popolar e te tiravet in long per dimm a la fin che l’è scadu el bando” “perché domà dopo mort te tiret in ball tutti quii ball sul fatto de vess milanes, ecc. ecc. portator de la milanesità, l’unich interprete de ona Milan che l’è pu quella de ‘na volta, el maester che l’ha savu voltà i canzon d’on frances in on meneghin pien de fantasia, de color ecc. ecc. Fondator cont Brivio, Magni, Patruno de I Gufi, che hann mai avu dal Comun el giust riconosciment, anzi che tutti i volt che han fa’ di propost han minga podu realizzai…” “Bell, adess che podi no parlà fa quell che se ciappa a coeur quell che hoo fàa, de per mi, e quell che vorevi fa cont vialter e me l’avii minga fa’ fa” E intant che pensavi a sti ciall m’è vegnu in ment on’idea stramba. Sti commemorazion dovarissem vess fàa quand el soggetto l’è ancamo’ viv, vegeto, in gamba, ch’el po’ moeuvess e ragionà. El cosidetto coccodrillo sarìa bell scrivell insema a ona lapide, on discors, on premi, da viv. Pensa che bell se el fruitore el podess vede’, senti, apprezzà in vita quell che hinn a drè a fagh de mort. El discors al Consili comunal, el premi de la Region, el spettacol in soa presenza (minga memoria), el riconosciment de persona, l’iscrizion al Famedio cont lu present. Dagh la gioia che se merita prima della dipartida definitiva. 

Quand? Quand, raggiunta l’età madura se considera che ona vita l’è stada spesa nell’intent del personagg in question che on bel dì la perdarà. El scienzià per quell che l’ha scritt, inventà, el letterato per tutti i oper pubblicàa, el poeta per la soa grande comprension del mond, el giornalista per ona vita passada a dà notizi, e inscì tutti i categorie de personne che hann dà ment e corp per ona passion, per i alter, per el mond. I attor, che ona volta eren mis sòtt in terra sconsacrada e che adess, grazie a la television e ai Gossip hinn celebràa come sant, i metalmeccanich, i legnamè, i spazzin, i professionist, che gh’abbien i benefizi de godè i vantagg che dopo mort serven domà ai posteri. E grazie anca per quej. Denter fina al coll in questi pensèe sont riva’ a Sest S. Giovanni, invece de cambia’ el Metro a Loreto. E hoo ciappà anca la multa perché s’eri foeura dall’urbano. E al ritorno hoo pensàa che i mult ti e dann de viv e te riven anca de mort. La marcia de la giustizia l’è inderogabil. Ecco come se po’ voltà ona notizia commovente in puro umorismo, e cont l’occasion fa anca di rampogn. Del rest l’è uman regordass domà i robb negativ. Quej positiv hinn semper debol rispetto a quand te gh’et minga la considerazion dovuda. Per esempi, el fatto de scriv in milanes, e tanti volt a inventà parol e moeud de dì, perché i vocabolari difetten de tanto e i grammatic scritt pussè de cinquat’ann fa gh’hann minga denter l’evoluzion del linguagg, el te dà di grand possibilità. E chi, sviolini el direttor de Il Giorno che l’ha gh’avu l’idea portada avanti dal so redattor capo. Disevi che gh’hinn di argoment che el dialett i e fa diventà simpatic e te permett de di’ robb che in lingua podarissen vess pesant, offensiv. Invece col milanes diventen legger e passen. Magari l’è on difett quel de mancà de incisività e vess ciappà sott gamba. Ma chi le voeur capì le capiss.

E l'ha capida ben Enrico Intra che finissi mai de tirà a man, quand gh’hoo cuntà al telefono la mia mattana. “Mattana?” l’ha dit “ ma è un’idea rivoluzionaria. Sai cosa ti dico? La realizzeremo in Teatro con le tue canzoni e le musiche originali, mie. E sai cosa ti aggiungo? Ti metto vicino quattro bravi musicisti della mia Università del Jazz e assieme formeremo I Nuovi Gufi. Contento, Brivietti? E inscì diremo da vivi quel che i alter disen per i morti. Ma ti cerca de stà in pè. No, minga al Carcano come la Veronica di Jannacci. Nel senso di vivere!” E giò ona ridada contaminante. La mort che l’è l’unica roba a constrastà la vita, la se tegn lontana, la se scongiura, propri quand la se tira in ball da viv. Anzi, la te slonga el temp, basta che el Signor decida de fatt fiadàa anmò per on po’ de ann.

brivio.roberto@yahoo.it