Milano, 30 settembre 2017 - Con il suo sguardo affilato in decenni di satira, esercitata come attore, scrittore e chansonnier, Brivio illuminerà angoli della Grande Milano di oggi: i suoi vizi, le sue virtù e soprattutto la sua gente, da raccontare con irriverenza e tenerezza, come sa fare lui. E in lingua madre: il dialetto milanese

Me accordi epeu avè leggiù l’articol pubblicàa Giovedì passàa che sont stà on po’ cattivel trattand inscì la mia città che per alter hoo immortalàa in ona canzon intitolada appunto “la città di Brivio”, in dua i paroll a eren pussè tener: “la città che tanto ho amato e poi vissuto la città/la città che tanto ho odiato da morir/ ora è piena di smog/ ora è piena di luce/ e la gente ha qualcosa di più/” ritornell e final. Beh, per trovà la pas dopo avela esecrada hoo decis de fa’ on gir a pè per vedè, per constatà de persona se tutt el me furor el stava in pè o se l’era rabbia ingiustificada. 

Cont l'occasion de andà a trovà el me amis Alfredo Gramitto, gran patron de la Curci e Carosello, cressù a la court del D’Anzi, e parlà cont lu del prossim Sanremo, sont sbarcà – l’è el cas de dill – in piazza San Babila e hoo faà el percors a pè (propri quatter pass) fin a la Galleria del Corso in doa ona volta te trovavet cantant, musicist, direttor, giornalist. Se gh’è on quaivun ch’el dis che l’è no squallida me foo vegnì el fotton. Corso Vittorio Emanuele illuminàa, pien de negozi, de taolitt cont gent che mangia, che ciaccera, sonator ambulant che tiren foeura el violin e sonen quatter not peu scappen per paura che on quai ghisa ghe sequestra el strument, i solit postulant con el cartell “ho fame” scritt apposta per impietosì i passant che se impietosissen no, student che van avanti e indrè da la Statal de drè all’Arcivescovado che el scior Achille Campanile in voeuna di so’ battud fulminant gh’ha mis visin un Arcivescovengo de tutta misura, e poeu professionist cont in sacoccia ma a tutta vista Il Sole 24 Ore, stranier, turist, immigràa, el scior de Prèia couvert da ona impalcadura, el cinema Astra che l’è pu cinema ma l’han trasformà in magazzin doa gh’hinn i Sales. Minga i vendit, i Sales. E i cine della Galleria? El Corso, l’Ariston, el Mignon, l’Excelsior ( me ricordi ancamò quand l’era teater: ona bomboniera). Ma prima, appena foeura de la metropolitana, hoo cercà el Gin Rosa, el bar di appontament… “ se troeuvon al Gin Rosa”. L’era pu nanca on aperitif. L’era el nomm consacrà dal puntell de mezdì e de la sera. Gh’è ancamo’ ma in ona posizion che te fa nanca vegnì voeuja de bev. El banc occupà da mila ball per dit che se te voeuret bev de devet sentass giò e pagà el suplement. E chi l’è che se recorda del Cinema Rivoli, diventà vun di ristorant col self service e i buoni pasto, come in di autogrill. E del Gallery? Hoo fàa a temp a cantà ona sera vestì de Meneghin insema a Grazia Maria Raimondi vestida de Cecca. Del Garage Traversi in doa te portaven su e giò la macchina e dell’Upim. Scommetti che han considerà el magazzin trop popolar per ona zona “distinta” come l’inizi del cors Venezia. 

Al numer 7 gh’era el famos “Studio Sette” de Tito Fontana, quel di negozi Valextra a fianc del Teater Nuovo che a g’hinn pu. In quello studio el Brivio l’ha fàa per la Ricordi 30 disc de prosa cont i copertin de Umberto Faini diventà poeu cabarettist del famoso duo Sorrisi e Lacrime. Propri allo Studio Sette l’ha fàa i primm incision Umberto Bindi e l’è passàa tutt el Jazz della Milano anni’60. Gh’era visin on grande bar, diventà adess dominio de on stilista. De front el Teater San Babila gestì allora da Fantasio Piccoli ch’el vegniva dalla Stabile di Bolzano. Ma chi se recorda dei personagg, di quei temp? Chi i e fàa riviv? Nunc, che se lassom abbandonà senza remission, senza vergogna, a pensà a quei temp, quand de giovin correvom la cavallina e andavom avanti e indrè dal Bar dell’Odeon, diventà regno del Pollini e adess de on alter mercant, per incontrà attor, impresari, amministrador e giugass ona scrittura per girà l’Italia. Disi no bej temp. Disi domà che la voeuja de ona volta la passava per quei sit, e per la Crota Piemonteisa, visina al Gerolamo de Piazza Beccaria, in doa te mangiavet pan, wuster e codegh sentà giò suj panc de legn davanti a on taol tutt scortegà. Certi volt te andavet allo Scoffone, davanti al Cinema Cantù, che el gh’è pu perché l’ha lassà el post al piccol Peck. Peu se te gh’avevet voeuja de fermass ona quaj mezzora a discutt te andavet alle cantine Dal Verme, visin all’omonimo teater e la sira d’estàa al Rosengarten in largo Cairoli, per incontrà attor e regist. Pussè in là, in fond a la via Meravigli, gh’era el ristorant de Pino detto la Parete coi so’ luganeghitt caratteristic e i cadregh de gesa, quei piccol cont el sedil de paja che usaven ona volta. De lì rivà alla taverna Moriggi l’era on bouf. E anca al Refettori, cabaret che hoo derbì nel 1971. L’era ciamà el cabaret di intellettual perché gh’avevi trasportà i “cabaret letterari” nassùu nel sotterrani de la libreria Cavour del Renzo Cortina alla presenza de tutti i direttor di edizion librari de la città e cont mia sorella Maria Brivio giamò annunciatrice RaiTv. 

Che bella passeggiada ch’hoo fàa. Ona caminada tra i règord de la mia gioventù passada tra i speranz de fàa on quaicoss che restass in la memoria. E l’è nassu’ a quej temp el mensil Studenti cont mi e Gigi Vesigna, el Teatrin del Corso subit dopo l’Accademia dei Filodrammatici, in doa hoo portàa commediografi rappresentàa in Off Broadway (Pinter, Simpson, Hickmet, Dos Passos, Wesker), i 30 disc cont la Ricordi, la prima collaborazion con la TV in on programma giornalistic presentà da Mila Contini cont la regia de Cesare Galsini el fradel del Giorgio che allora l’organizzava i primm so’ concert de jazz, e infin I Gufi che han lassà on ricord che sorprendentement el dura ancamò. Invece tanti robb hinn sparì: el Cinema Cavour, el Teater Odeon, el Teater Olimpia, el cinema Eden, el cinema Vip, el Teater Alcione, el cinema Missori, l’Ambasciatori, el Pasquiroeu, el teatro alle Maschere, royame de le strip tease, el cinema Durini, el Teater de via Durini inauguràa dal Paolo Poli. Me domandi, mentre vardi passàa la gent: ma le san che camminen visin o sora o sòta on’archeologia che l’è stada in pè per squas tutta la nostra vita? E che quand ghe pensi me senti el sang in ferment? Le san che hoo riempì el Teater Nuovo per tanti an de seguit? E idem el San Babila? E che hoo fàa part de la claque quand andavi a teater tutti i ser? E che quand andavi al cinema cont la tessera del Corriere Lombardo me mettevi in giacca e cravatta? E che hoo mangià tanti volt al Santa Lucia? E che hoo comincià la mia carriera de scrittor quand fasevi col Vesigna on opuscolo de vott pagin cont i critich e i riassunti di liber che me regalavan i editor? Primm fra tutti el direttor Carusi de la Cino del Duca? Le san? Eh, le san? (se sent in lontananza i sirèn dell’autoambulanza che la ven a sugamm i lacrimm prima de portamm via). 
brivio.roberto@yahoo.it