Milano, 26 settembre 2017 - Scriv barzellet l’è on’arte? On dono di natura? L’è come scriv cent romanz? E se se troeuva minga el final ch’el fa’ rid, la barzelletta la se sbatt via? E se l’è stada ispirada da ona storia de vita l’è giust sbattela via? L’è minga come buttà in del ruff ti o chi l’ha vissuda, ispirada? E quand la barzelletta che t’hann cuntàa te riesset no a ricordalla e te ne diset on altra cont el medesim soggett, ma cont l’insema inventà lì per lì, se po’ dì che l’è noeuva? Che l’è toa? L’è minga on plagio?

Quqnati domand per i barzellett! Hinn no letteratura. Hinn domà barzellett. E se doman salta foeura on giornalist ch’el i e rivaluta come l’ha fàa l’Oreste del Buono cont i Fumetti, che adess hinn considerà critica social, opera autoral, letteratura minor ma semper letteratura, sintesi de vita, prevision de quell che gh’ha de vegnì, interpretazion de la storia senza gir de paroll e per on quaidun alta opera letteraria? Mi nel me piccol n’hoo scrivù tanti. L’è sta’ on moment che vivevi domà per i barzellett che scrivevi. Gh’eren allora tri pubblicazion: El quart d’Ora, la Mezz’Ora, l’Ora. Scrivevi circa cent barzellett al mes. Je portavi all’Ora, ne compraven ona vintena, i alter ottanta je portavi alla mezz’ora, ne compraven ona cinquantina. Ne restaven trenta circa che finiven sul quart d’ora o settimanaj concorrent ma semper fàa di barzellett. Mi n’avaria salvàa voeuna o do, ma quand je portavi in redazion finiva che per illustraj mej cercavi de cuntaj. S’eri on cabarettist, savevi come dì per ottegnì ‘na ridada e cont la ridada l’accettazion. Poeu me rivava l’assegn a ca’. On dì on editor de liber su Milan (tresent titol o giò de lì e el seguta a pubblicà) me ciama e el me fa: «El to’ Liber di Parolasc (el me parlava in Italian) l’è andà ben. Hoo vendù vintmila copi o gio’ de lì. Femmen on alter». «Semper di parolasc?» azzardi «No, de barzellett» el completa «E adess ve la cunti mi!, el sarà el titol».

«L’è minga mej I barzellett del Brivio? O anca Milan l’è ona barzelletta?» «Sì, inscì creden che el titol descriva on contenuto di protesta» «e s’el fuss inscìi? I argoment mancarien no per falla diventà verament ona ròba de pugn in del stomich». «El titol el sarà Attenti al Gufo, E adess ve la cunti mi». «Beh, hoo scritt i barzellett per el liber ma l’inquadratura l’è stada semper quella di me memory, minga i argoment per ordin alfabetic. Certi pussè che barzellett, a eren battud: “Qual è lo strumento più sexi? ?!?! Il violoncello: ha le curve e si tiene tra le gambe”. Hoo fa on monologo a Carpi on sera che presentavi l’orchestra de vint professor. Ognidun el gh’aveva ona soa caratteristica de umorismo. Figures con el violoncello. E ancamò: «Cossa l’è che te fett appena finì de fa a l’amor?» « Me presenti» /«I me fioeu i a portà la cicogna» «Numm semm pover. La cicogna se la sognavom. I fioeu la mia mamm i a fàa in cà»/ «Mamma, come sont nassù?» «T’ha portà la cicogna». «Ma come l’ha fàa el papà a fass ‘na cicogna?!»/«Pierino, vieni qui: vorrei parlarti uin po’ di sesso». «Cosa vuoi sapere papà? Ho fretta»/«Pierino chi ha suonato?» «Un signore che voleva qualcosa per il ricovero dei vecchi» «e tu cosa gli hai dato?» «La nonna»/ «Torno a casa e ti trovo nuda. Spiegami perché?» «È che non ho niente da mettermi». «Possibile? Guardo nell’armadio… vestito rosso, uno verde, uno giallo, uno blu, tre tailleur, un abito da sera, uno bianco, un signore nero, uno smoking…»/«Perché molte donne considerano la prostituzione un mestiere eccellente. Perché?» «Perché ce l’hanno, la vendono e ce l’hanno ancora»/ e depoeu a gh’hinn quej long che l’è mej cuntai no perché se de no me porten via tutt el spazi. La sembra ona balla dì che j u inventà. Ma i battud te vegnen senza che te ne accorget, se te gh’et el spirit. Ona sera in on teater tenda s’eri a drè a fa on spettacol. Intanta che cantavi, su no me l’è, forsi el cucchident l’ha minga funzionà.. (Se po’ minga dill? Ma se fan la pubblicità a tutti i or. E te mostren ‘na filera de dent da fa’ invidia a on fioeu giamò foeura di dent de latt! Se voeur dì nascond la verità su la dentera?! Hinn rar i anzian che ghe l’hann no.)… e insomma m’è borlà in terra el palatal. L’hoo cattà su, gh’ho dà ona soffiada, hoo guardà la gent che la rideva e hoo dit «Adesso sapete cosa può uscire dalla bocca di un comico!» Hann taccà tucc a ridd ma a ridd che squas finiven sotta alla cadrega. Disevi che la vita la te riserva di moment che sembren ona barzelletta. Per esempi i critich de certi critich. Se difenden de drè i parol che voeuren dì e no dì, per minga dì quell che dovarissen dì. Per esempi a proposit de Enrico Intra, depeu ona descrizion in quatter paroll de la soa attività de jazzista el critich el conclud a proposit de ona incision dal titol 80+2 Live, doppio Cd autoprodotto per Musica Oggi dallo stesso pianista: («un’antologia personale che ripercorre le tappe più importanti della sua carriera aperta da The classic Jazz del 1957, disegnata senza obblighi cronologici, proprio per far emergere la libertà di una carriera vivacissima.

Documenti un po’ segnati dal tempo e non tutti “live” come vorrebbe il titolo»). E per on quaj tic o toc che fa storia, el Maester l’ha ciappà on voto de 7,5 anziché on bel 10. Per mi l’è ona barzelletta. Come l’è ‘ na barzelletta el me visin de macchina in coa sull’ autostrada: «Certament. La pagom cara, l’autostrada, però ne profittom per tanto temp». E quell’altra che l’è vegnuda foeura leggend sul giornal e sui manifest «L’Italia cambia marcia» «Boh, la metterà la retro». E quei che domanden a Dio come la sarà l’Italia tra cinq ann e Dio ch’el se butta a terra piangend cont disperazion? E sulla burocrazia? «Signor Ministro, President, Direttor, Capo ripartizion, capo uffizi…» la domanda la var per tucc «…posso bruciare i fascicoli più vecchi di dieci anni?» «Ottima idea. Però, per sicurezza, fa prima le fotocopie». E per finì ona storia de sesso: Lui: «perché dopo che abbiamo fatto l’amore sento fischi nelle orecchie?» Lei: «Per come lo fai vorresti sentire applausi?»