Milano, 24 settembre 2017 - ​Caro Papa Francesco, da tempo sto conducendo una battaglia contro le frontiere: non per chiedere che vengano abolite (il che sarebbe pura e folle utopia), ma per ricordare almeno che esse sono solo una plateale violazione del diritto naturale dell’uomo di muoversi a suo piacimento sulla terra. Lei è intervenuto nella polemica sullo ius soli, che si fonda ovviamente sul riconoscimento delle frontiere. Ora, una domanda: quando Dio ha creato l’uomo, gli ha detto anche se e dove poteva andare, oppure dava per scontato che la Terra tutta fosse un campo aperto a sua disposizione? Se così è, benedett’uomo, perché una volta tanto non lo ricorda, in tutte lettere? Non servirà a niente, così come non servono a niente i “Non uccidere”, “Non rubare”, “Non mentire” di un noto decalogo: ma almeno evitiamo di dimenticarcene del tutto: lo terremo lì, a futura memoria e in attesa di tempi migliori! Coraggio, Santo Padre! Coraggio, Jorge Bergoglio!

Devotamente Luigi Lunari

El me amis Lunari, gh’avii leggiù? El scherza minga cont i destinatari di so’ scritt. A l’è ona lettera che la gh’ha no bisogn de comment. La se spiega deperlee. Chi la voeur capì la capiss. Squasi squasi la mandi a quel là della Corea e a tucc quei che se metten in testa de fa’ la guerra. A disen che semm stà’ in pas per circa 72 ann. In Italia! Ma varda in del mond cossa han fàa in questi tri quart de secol. Possibil che el mond el staga semper in guerra? Disen che i omen gh’hann la loja, che proven fastidi a sta’ quiett, in pas, che se moeuven minga i man se demotiven, che se sparen no se infiacchissen. Ball. San no stà in pas! L’è ona vita che han imparà a fass guerra e nissun l’è bon de passà mej el so temp che a guerreggià. Ma porco can, el po’ minga legg? Dato che la stampa l’è in crisi ghe daria ona man a vegnin foeura. El po’minga dedicass a la ricerca? In tutti i camp? On aiut nella filera appropriada ed ecco che magari salta foeura ona noeuva invenzion. No, i omen, disemm i uman se de no i donn se offenden, che gh’hann pocch de uman, gh’hann de segutà a baccajà, a menà el torron, a sfruttà la nostra pas cont ona ribellion che la se tacca a tutt, copà i genitor, copà i moros, copass tra clan, copà la gent cont i sofisticazion, copala cont i camions, cont la stampa, cont i giudizi, copaj in terra, in aria, al mar. E quel ch’el stà in alt manda giò castigh: terremott, tromb d’aria, uragan. Second tanta gent interrogada l’è ona noeuva forma de Sodoma e Gomorra, senza tirà a man el film che l’e’ tutta on altra roba. Gh’hoo dit al Gigi Lunari, che l’è on commediografo de fama mondial (i so’ commedy a hinn rappresentà pussè all’ester che in Italia) che l’è stàa l’artefice per on sest de la fortuna de I Gufi (quatter numm, vun Remigio Paone el noster produttor e lu fann ses e poeu cont Antenna tri el Beppe Recchia, sett) cont i so’ pièces (anca chi el frances per fa no ripetizion) “Non so non ho visto se c’ero dormivo e Non spingete scappiamo anche noi”, Gh’hoo ditt de scriv on quaicoss tipo la lettera al Papa, de fort, de sgarbellant, de sgraffignant, per tentà de moeuv on quajcoss in sta vita attacada ai danè.

Danè, danè, doma danè. Ti e vedet vegnì foeura anca dai orecc, dai bus pussè impensà, come ratt. Tucc parlen de danè, tucc miren ai danè, mila, domila, desmila, centmila a hinn coinvolt per trattaj, brancaj, sgraffaj, zaffaj. Tucc l’on contra l’alter per i danè. E chel lì el voeur el dollaro, e quell’alter el voeur no l’euro, e gh’è chi se ten strengiuda la lira, se sa mai che la porten anmò in auge, come stan tentand de fàa cont i Navili. E perché? Perché rimett in pè quell che l’è cambià voeur dì spend danè; fà girà ancamò danè su danè quaicoss el el resta in gajoffa, saccoccia. Bravo Lunari e Bravo Papa Francesc. E per conclud on’altra lettera de on amis che l’è andà a Fasano di Puglia per fa giustà la macchina (a disen che se spend men) e quand, la macchina pronta, el se mis en train de partì ( frances come piovess!), l’è saltada propri la lettura de la ciav. Allora l’ha ciamà on amis a Trezzan S.N., in doa l’abita, per fass mandà la ciav de riserva: ghe l’ha spedida col corrier lunedì mattina, la doveva vess consegnada el di’ dopo, incoeu l’è Giovedì e gh’han dit che forse ghe la consegneran doman. E chi stemm cito perché se derbom el liber alter che ona pagina, l’angolo di Milano el diventa de tutt Italia! Ma important a hinn i so’ notazion che adess riporti. «I semafor ross hinn domà on decoro urbano. Vun ch’el sia vun el funziona no». «Il Codice della strada per i automonbilist l’è on opinion, nissun le rispetta». «I strad asfaltà coi bus incorporà a hinn ona grande invenzion». «Traversà l’è come giogà a the Frog, cont la povera rana che la salta i camion per fass no schiscià». «Hoo domandà al sindich lo status de rifugiato ma dato che son no stranger, de color, migrant, par che ghe n’abbia minga diritt». «Ho mangià strudel de pomm (riessi no a capì se l’è a Bolzan o a Fasan) con l’ammoniaca (alimentar! n.d.r.) e me sont sbiancà anca de l’abbronzatura».