Milano, 11 novembre 2017 -  Wiki Loves Monuments 2017 - il concorso fotografico internazionale che invita a documentare per immagini il patrimonio storico e culturale delle città - è stata vinta da Comacchio, in Emilia Romagna, ma per Milano ci sono state 1000 fotografie. La cerimonia di premiazione, realizzata in collaborazione con il Comune di Milano, ha avuto luogo oggi all'Acquario Civico: nel corso della mattinata sono stati consegnati i riconoscimenti ai dieci vincitori nazionali del concorso, selezionati dalla Giuria composta da tre esperti 'wikipediani' e da tre fotografi professionisti e presieduta da Settimio Benedusi, noto giornalista e fotografo.

Trionfa quest'anno - spiega il oOmune - uno scatto in bianco e nero realizzato da Francesco Cavallari al Ponte dei Trepponti a Comacchio, mentre il secondo posto è andato alla Liguria, con un'immagine del Castello d'Albertis a Genova. Terzo posto per una fotografia scattata in Toscana, alla Fortezza delle Verrucole a San Romano in Garfagnana. "Milano ha partecipato per il primo anno a questa iniziativa  - ha commentato Lorenzo Lipparini, assessore alla Partecipazione, Cittadinanza attiva e Open Data - arrivando a ospitare la cerimonia conclusiva del concorso italiano. I cittadini hanno colto con grande favore lo spirito del concorso, realizzando 999 fotografie del capoluogo lombardo, sulle oltre 20mila caricate online su Wikimedia Commons. Faccio i complimenti ai fotografi, professionisti e non, che sono stati premiati oggi e ai tantissimi che hanno partecipato all'iniziativa. Grazie a loro abbiamo ora a disposizione quasi mille scatti della nostra città che il Comune di Milano potrà utilizzare gratuitamente per le proprie attività istituzionali di comunicazione e di promozione e che saranno a disposizione di tutti per la creazione di contenuti e pagine enciclopediche sul nostro patrimonio monumentale. Come Amministrazione comunale siamo soddisfatti del risultato: il concorso ci permette di aprirci a una platea sempre più internazionale, di aumentare la nostra presenza sulla rete e di diffondere la cultura della conoscenza libera e della condivisione".

Durante la cerimonia sono stati svelati inoltre gli scatti vincitori dei premi speciali messi in palio dagli sponsor e dai partner del concorso - Euronics Italia e Nikon Italia, Enegan Luce & Gas, APT Emilia Romagna e Polo Museale ER, FIAF, ICOM Italia, WWF
Italia, BASE Milano e Foundation Grand Paradis - e quelli incoronati dai numerosi concorsi regionali promossi quest'anno in Piemonte, Lombardia, Trentino, Veneto, Liguria, Emilia-Romagna, Toscana, Marche, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna. I dieci vincitori nazionali parteciperanno ora alla fase finale del concorso a livello globale a cui accedono le migliori foto dei 52 Paesi partecipanti. Inoltre tutti gli scatti premiati a livello nazionale faranno parte di una mostra fotografica che nell'arco del 2018 sarà esposta in tutta Italia.

"Tra tutti gli usi che si possono fare della fotografia - ha commentato Settimio Benedusi - il concorso Wiki Loves Monuments è sicuramente uno dei migliori. Sappiamo quanto l'Italia sia ricca di monumenti storici: promuovere il racconto di questo tesoro attraverso la fotografia rende un servizio sia alla valorizzazione dell'Italia sia alla promozione della fotografia realizzata con progettualità". "Anche quest'anno Wiki Loves Monuments ha visto un'amplissima partecipazione - ha aggiunto Maurizio Codogno, portavoce di Wikimedia Italia -. Oltre naturalmente ai fotografi amatori e professionisti, è doveroso ricordare il lavoro sottotraccia dei volontari e dello staff dell'associazione e la collaborazione dei tanti enti locali che - nonostante i mille laccioli burocratici legati alla gestione del diritto di panorama in Italia - si sono adoperati per la riuscita del concorso".