Milano, 8 agosto 2017 - Rapinano un camionista del suo mezzo: conteneva 50 bancali di tonno in scatola per un valore complessivo di 200mila euro. Padre e figlio sono stati arrestati dai carabinieri nel Milanese. Genitore, di 57 anni, e figlio, di 29, già noti alle forze dell'ordine per reati analoghi, italiani, hanno avvicinato il proprietario dell'autoarticolato mentre era fermo a bordo di una strada: sotto la  minaccia di una pistola lo hanno costretto a condurre il mezzo in una zona industriale di Cusago e poi costretto a salire su una utilitaria lo hanno abbandonato in un campo. I militari, dopo la denuncia da parte del camionista, hanno fatto immediatamente scattare le ricerche e a Fizzonasco di Pieve Emanuele, anche grazie alla captazione di un segnale inviato dall'antifurto satellitare (nonostante l'installazione di un jammer, un disturbatore di frequenza da parte dei rapinatori) lo hanno trovato. Alla guida il padre seguito dall'auto condotta dal figlio. Nella vettura è stata rinvenuta una pistola a salve, priva del tappo. La 'gang familiarè è ora nel carcere di San Vittore.