Milano, 14 settembre 2016 - La Procura dei minori di Milano, a proposito di Martina Levato e il suo ex amante Alexander Boettcher in carcere dal dicembre 2014 e condannati per una serie di aggressioni con l'acido a Milano, insisterà per l'adottabilità presso un'altra famiglia del bambino della coppia. Una perizia, disposta dai giudici, aveva escluso la "capacità genitoriale" di Martina e Alex e anche quella "accuditiva" dei nonni materni e della nonna paterna. "Sono disposta a tutto pur di stare con mio figlio - aveva detto ai giudici Martina -. Sono pronta anche a trasferirmi all'Icam (l'Istituto di custodia attenuata per le madri detenute, ndr) o al carcere di un'altra città", aveva spiegato in udienza ai giudici la giovane.

Alex, invece, ha chiesto che "mio figlio non stia con Martina all'Icam, perchè me lo immagino libero e non in un posto che somiglia a un carcere e voglio che mio figlio stia con mia madre".