Milano, 8 dicembre 2017 - Il  «Milano Christmas  Land» all’ex scalo Romana? Stoppato ancora prima di cominciare. La Commissione di vigilanza del Comune ha negato l’autorizzazione al «grande circo di Natale» che sarebbe dovuto partite mercoledì pomeriggio nell’area a ridosso di piazzale Lodi. Sul posto c’erano già 160 spettatori pronti ad assistere a uno spettacolo dedicato a Pinocchio, ma i tecnici municipali hanno bloccato l’esibizione mostrando il parere contrario della Commissione di vigilanza redatto proprio mercoledì, dopo un primo «no» firmato il giorno prima. I principali problemi segnalati nel parere? La mancanza, nella documentazione presentata nei giorni scorsi dagli organizzatori dell’evento, di un’adeguata relazione tecnica anti-incendio e l’assenza di indicazioni precise sulle uscite dall’area per gli spettatori.

Risultato: gli organizzatori del «Milano Christmas Land» ieri mattina si sono presentati al Teatro Dal Verme, dove era in programma la cerimonia di consegna degli Ambrogini d’oro, per sottoporre il loro caso al sindaco Giuseppe Sala, con cui sono riusciti ad avere un breve colloquio. Le loro principali lamentele? «Ci sono 200 famiglie che lavorano intorno a questo evento e non abbiamo capito perché non ci è stato permesso di avviare lo spettacolo». Il sindaco ha rimandato la risposta a un approfondimento ulteriore. A fornire la versione del Comune sullo stop al «grande circo di Natale» allo scalo Romana è stata l’assessore alla Sicurezza Carmela Rozza nel pomeriggio di ieri: «C’è qualcuno che si elegge a organizzatore, non provvede a presentare tutti i documenti previsti dalla legge e poi scarica la responsabilità a chi ha il dovere di garantire la sicurezza sia ai lavoratori sia ai cittadini che vorranno frequentare le attrazioni. Mi dispiace per i soggetti coinvolti, che addirittura vengono da altre regioni, ma li invito a non mettersi dalla parte del torto contro la Commissione che fa il suo dovere: fare rispettare le norme di sicurezza per gli eventi. Se la prendano con il responsabile di questa situazione, con l’organizzatore che non è stato in grado di presentare una documentazione corretta. Chiedano a lui i danni». La Rozza non esclude che il «Milano Christmas Village» possa iniziare nei prossimi giorni: «La Commissione comunale di vigilanza si è detta disponibile a riesaminare la loro pratica già martedì per far sì che, a fronte di una documentazione corretta, gli eventi possano partire regolarmente».