Milano, 20 dicembre 2016 - Si è fermato alle porte di Milano per effettuare un carico di merce e poi dirigersi all'estero il tir con targa polacca che lunedì sera è stato lanciato nella folle corsa sul mercatino di Natale a Berlino causando almeno 12 morti e 48 feriti. Prima di lasciare l'Italia, il 16 dicembre scorso, l'autotreno è si è fermato alla 'Omm lavapavimenti' di Cinisello Balsamo per caricare macchinari per la pulizia di pavimenti. È quanto è stato accertato dal'indagine conoscitiva, e cioè senza titolo di reato né indagati, aperta dal capo dell'antiterrorismo milanese Alberto Nobili con lo scopo di delegare la Digos per compiere accertamenti. Stamane, gli investigatori, da quanto si è appreso, hanno sentito i due titolari della ditta. Secondo la ricostruzione il camion si sarebbe fermato alla Omm già semipieno di tubi 'Innocenti' per poi caricare alcune macchine per lavare i pavimenti. Il mezzo è stato avvistato anche nella vicina Brianza. Dopo di che verso sera è stato individuato a Bressanone, in provincia di Bolzano. Dalle deposizioni raccolte, la società che ha sede alle porte di Milano si rivolgeva alla ditta di autotrasporti proprietaria del tir per inviare attrezzature in Polonia.