Milano, 12 ottobre 2017 - Parte la "Bebè Card", il supporto elettronico su cui sarà caricato il cosiddetto bonus maternità, il contributo mensile di 150 euro che era stato annunciato dalla Giunta Sala durante la prima giunta itinerante al Giambellino.

È la prima volta che un Comune realizza questo tipo di misura utilizzando una carta acquisti elettronica prepagata. Dal settembre 2016 a oggi il supporto economico era stato erogato tramite buoni spesa mentre dal mese prossimo la carta potrà essere utilizzata dalle prime mamme che la riceveranno a casa. Hanno diritto alla Bebè Card tutte le mamme residenti a Milano che hanno avuto un bimbo a partire da aprile 2017, che hanno la cittadinanza italiana o di uno dei Paesi Ue oppure lo status di rifugiato. Possono usufruirne anche le mamme extracomunitarie ma con permesso di soggiorno di almeno un anno. Per essere tra gli aventi diritto le neomamme devono essere casalinghe o disoccupate e non avere un reddito Isee superiore a 16mila 954 euro e 95 centesimi. Per richiedere il contributo la mamma, entro sei mesi dalla nascita del minore, deve recarsi presso uno dei Caf convenzionati e presentare la domanda. Al reddito di maternità il Comune ha dedicato 7,5 milioni di euro per il triennio 2017-2019.