Milano, 7 dicembre 2017 -  «Che emozione essere il primo sardo premiato con l'Ambrogino. La notizia mi riempie di orgoglio. A Milano devo tutto: figlio di un minatore, sono diventato ciò che volevo essere». Geraldo Mereu, da 30 anni patron del ristorante “La Risacca 2”, è uno dei benemeriti che oggi riceveranno l'ambito riconoscimento assegnato dal Comune di Milano. «Sono arrivato nel 1974, da solo, avevo 16 anni. In Sardegna non avevo un lavoro. L'unica alternativa era emigrare. In cucina ora ho una brigata di sette persone, rimango in sala con sei camerieri. Ma agli acquisti ci penso ancora io». La cerimonia di assegnazione si terrà oggi alle 11 al teatro Dal Verme. La grande medaglia d'oro sarà assegnata al cardinale Angelo Scola; la medaglia d'oro alla memoria a Claudio De Albertis. Fra le altre medaglie d'oro ci sono il professor Filippo De Braud, Marva Griffin Wilshire e il dottor Francesco Garbagnati dell'Istituto dei Tumori: «Ne siamo orgogliosi – di legge nella nota dell'Istituto Tumori – perché viene premiato il lavoro di chi ha dato un contributo determinante alla ricerca, a riprova ancora una volta dell'alta qualità della ricerca che viene condotta all'Int e dei percorsi di cura».