HOMEPAGE > Milano > Napolitano a Milano fra gli eroi di legno e stoffa dei Colla

Napolitano a Milano
fra gli eroi
di legno e stoffa
dei Colla

Il Capo dello Stato  sarà domani a Milano per celebrare i 150 anni dell'Unità d'Italia. Inaugurerà la mostra delle storiche marionette a Palazzo Reale

Stampa l'articolo Invia per e-mail Clicca due volte su qualsiasi
parola di questo articolo per
visualizzare una sua definizione
tratta dai dizionari Zanichelli
| | condividi
Giorgio Napolitano (foto Ansa)

Milano, 19 marzo 2011 - Era un trentenne, Giuseppe Colla, quando alla fine del maggio 1859 si trovò nel bel mezzo della battaglia di Palestro, durante la seconda guerra d’indipendenza, e vedendo spogliare i cadaveri degli austriaci ne trasse lo spunto per vestire di quelle divise le sue marionette portando come un messaggero di notizie alla popolazione la cronaca di quella battaglia. La sua capacità di cogliere l’immediatezza di un evento storico, come un giornalista dell’Ottocento, è piaciuta al Comune di Milano che ha deciso di celebrare le marionette della famiglia Colla mettendole in mostra.

Tolte dalle casse dove soggiornano da 150 anni, le marionette ottocentesche che hanno le sembianze degli eroi risorgimentali come Garibaldi, Verdi, Manzoni, Virginia Verasi, la Contessa di Castiglione e Mazzini saranno esposte a Palazzo Reale e racconteranno ancora una volta «le imprese dei nostri soldati per ricordarci quello che abbiamo sofferto nel passato dai governanti stranieri aiutati dalla peggior sbirraglia che mai abbia disonorato il mondo». Lignee, alte 40 centimetri, a corollario di cinque scenografie per altrettante battaglie storiche ricostruite per l’occasione, avranno l’onere e l’onore di incantare, dopo gli adulti e i ragazzi dell’epoca, anche il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano che inaugurerà la mostra dedicata alla più antica compagnia teatrale di marionette, anch’essa al suo 150esimo compleanno: «Un bel traguardo, siamo consorelle - ammette Eugenio Monti Colla, discendente della compagnia di famiglia e direttore artistico - siano orgogliosi dello spazio voluto dal Comune a palazzo Reale e della visita del Presidente. E siamo contenti che tutto il materiale storico non sia andato perduto. E’ stato ricotruito con cura, dal reggimento bersaglieri ai cordoni, fino alle medaglie».

Teste di legno che se la davano di santa ragine, toni accesi e colori sgargianti, prima che i Colla trasformassero la maschera Famiola (discendente dalla fantasia popolare) che fino al 1861 diede spettacolo nelle diverse regioni dell’Italia settentrionale, nel Gerolamo, il cui teatro di piazza Beccaria è rimasto per 50 anni nel cuore dei milanesi. La Compagnia Carlo Colla e Figli tonerà oggi da Strasburgo dove ha messo in scena «Il Trovatore» di Verdi per celebrare i 150 anni dell’Italia unita.

 

La storia di questa famiglia di marionettisti risale a 300 anni fa. A pochi passi dal Duomo e dalla sede che poi diventerà del teatro Gerolamo fino alla sua chiusura del 1957, il ricco commerciante Giambattista Colla aveva adibito una delle sale del suo palazzo a tratro delle marionette. In tempi in cui non c’era la televisione, gli spettacoli di quella Commedia dell’Arte che sarà di casa nella Milano napoleonica, attiravano un pubblico desideroso di divertirsi ma anche si sapere cosa accadeva. Nel 1861, alla morte del fondatore della Compagnia, i figli Antonio, Carlo e Giovanni formarono tre diverse compagnie. La Carlo Colla e Figli che ha gestito il Gerolamo (e spera di tornare a farlo a fine ristrutturazione dell’edificio) ha varcato i confini milanesi e nazionali anche grazie a quel geniale connubio tra marionette, teatro verititiero e fiabe originali che li ha sempre contraddistinti.

Domani pomeriggio, dopo l’inaugurazione di Napolitano, la mostra sarà aperta al pubblico. Nelle quattro sale degli Arazzi ci saranno le marionette originali, documenti storici, manoscritti annotati dalla famiglia Colla e cinque teatrini a tema. In una miniatura scenica si rivedranno la battaglia delle 5 Giornate di Milano, quella di Palestro, di Magenta e di Solferino. I personaggi del Risorgimento nati dalle mani degli artigiani Colla saranno lì, a ricordare che c’erano già a quel tempo e ne sono stati testimoni. Quindici giorni di esposizione e poi tutto l’antiquaritato tornerà nelle casseforti di famiglia

di Bruna Bianchi

 Edizioni di Milano metropoli
Oggi
Domani 10°
Previsioni a cura del centro Epson Meteo
Articoli correlati
oggi
domani
Mediocre
Accettabile

Tutte le previsioni

Visualizza tutti gli annunci

13/12/2011 - Sesto San Giovanni

Area manager

Adecco

13/12/2011 - Cernusco Sul Naviglio

Addetto ufficio paghe

Trenkwalder

13/12/2011 - Legnano

Product specialist

Adecco

13/12/2011 - Legnano

Area manager

Adecco

13/12/2011 - Sesto San Giovanni

Product specialist

Adecco

San Giuliano Milanese

Sesto Ulteriano, porzione di villa bifamiliare

385000 €

Monza

VILLA D\'EPOCA

0 €

Ricerca avanzata annunci

Il Giorno su Facebook