Milano, 6 ottobre 2017 - Oltre il design, con un palinsensto ricco che indaga e sconfina anche nella tecnologia, architettura, progettazione smart, industria 4.0, grafica, cultura. Coinvolte diverse zone, musei e palazzi della città. Torna da domani al 15 ottobre con 80 appuntamenti sparsi in città la Milano Fall Design Week, un evento da segnare in agenda per chi ama essere aggiornato sulle ultime tendenze della progettazione e sul futuro della manifattura. Nella prima edizione i numeri hanno mostrato il gradimento del pubblico e il Comune rilancia. Si parte in realtà già oggi (sino al 12) con Studiolabo che presenta Brera Design Days - Progetto e innovazione tra digitale e territorio: 60 appuntamenti, 20 spazi, 9 mostre, oltre 100 ospiti per indagare le relazioni del design con tecnologia, empatia, progettazione smart, industria 4.0, grafica, gaming. Tra gli ospiti gli architetti Stefano Boeri e Cino Paolo Zucchi, i designer Marc Sadler, Lorenzo Palmeri, Giulio Iacchetti, il direttore Generale della Pinacoteca di Brera James Bradburne, il cantautore Eugenio Finardi.

Negli spazi del Museo della Scienza e della tecnica - dal 9 al 17 ottobre - va in scena ADI Design Index 2017, la mostra che vede protagonisti i migliori prodotti di design lanciati nel corso del 2016: dall’arredamento ai mezzi di trasporto, dagli strumenti per il lavoro ai materiali innovativi, dagli oggetti personali alla grafica. I prodotti, selezionati da oltre cento esperti in tutta Italia, fanno parte della preselezione per il prossimo premio Compasso d’Oro ADI, il più celebre premio del design italiano. Presenti alla Fall Design week anche il Dipartimento e la Scuola di Design del Politecnico con tre appuntamenti: “Ouverture TimeSpace-Cronotopi Design“ il 9 ottobre presso lo Spirit de Milan, dove ospiti nazionali e internazionali introdurranno alcune riflessioni sulla relazione tra tempo e spazio legata ai New Interiors, agli aspetti del progetto contemporaneo e all’affermazione dei nuovi Landscape (paesaggi) urbani.

Presente anche Elle Decor Grand Hotel a Palazzo Morando (dal 6 al 22 ottobre) con l’installazione che esplora l’evoluzione del concetto di ospitalità grazie ad un vero e proprio “Pop- up hotel“ realizzato all’interno del palazzo. Il progetto-installazione “The Open House“ firmato dallo studio Antonio Citterio Patricia Viel, offrirà ai visitatori un’occasione di riflessione sull’impatto che un luogo pubblico può avere sulla città. Gli hotel contemporanei, infatti, giocano un ruolo molteplice: meta turistica, tappa di un viaggio d’affari ma anche semplice luogo d’incontro aperto ai cittadini. Infine la Triennale aprirà i suoi spazi, dal 12 al 14 ottobre per Touchpoint, promosso da Leftloft, dedicato alle visioni e alle contaminazioni del design. L’evento si apre la sera del 12 ottobre, presso il Teatro dell’Arte, con la première del film di Leftloft “Design is a Verb”.