Liscate (Milano), 4 ottobre 2017 - Una giornata solenne di cambio ai vertici, l’americana Avara, per la prima volta in Italia, prende possesso dell’ex stabilimento Pfizer: cambia insegne il polo farmaceutico in zona industriale e si torna a guardare con ottimismo al futuro. Lo stabilimento liscatese sarà il primo polo produttivo di iniettabili sterili nella rete produttiva della società americana, che conta già stabilimenti in numerosi Paesi. Si sono insediati l’altro giorno, con un momento solenne con le istituzioni e un incontro interno con i dipendenti, i nuovi dirigenti del polo farmaceutico liscatese, dopo la cessione da Pfizer ad Avara formalizzata a fine agosto.

Presenti tutti e 250 i dipendenti: a loro la nuova proprietà ha rinnovato le garanzie occupazionali, almeno per i prossimi tre anni. Ma la speranza è che si possa guardare ben oltre. E che il passaggio di proprietà significhi anche opportunità di rilancio: fra le carte, quella di poter ampliare lo stabilimento grazie a un terreno già disponibile e dall’opportuna destinazione d’uso. C’era anche il sindaco Alberto Fulgione, invitato dai nuovi dirigenti della multinazionale americana. Li aveva già incontrati più di una volta, in agosto, per sovrintendere come amministrazione comunale al delicato passaggio di mano di una delle più importanti realtà industriali del territorio.

«Ho rinnovato l’auspicio - spiega Alberto Fulgione - che questo passaggio di proprietà rappresenti un nuovo inizio. Che vi sia la possibilità di pensare non solo a un mantenimento di quello che c’era, ma anche a un potenziamento dell’attività, e magari a un ampliamento. Il polo è un sito punto di riferimento dell’occupazione non solo a Liscate, ma anche nell’intera zona». Ai dipendenti il ringraziamento più caloroso. «In questi mesi, direi in questo ultimo anno, sono stati molto sotto pressione. E hanno retto questa pressione senza clamori, dimostrando un grande senso di responsabilità. Li avevo già ringraziati pubblicamente in estate». Le nuvole, sul polo Pfizer liscatese, da anni in attività, stabilimento rilevante e strategico per la multinazionale del farmaco, si sono addensate quasi un anno fa. Da un anno, infatti, erano concrete le ipotesi di dismissione del polo, non più strategico nei piani di sviluppo Pfizer, concentrati altrove.

Il subentro di Avara, in estate, ha rappresentato la salvezza. Avara una società farmaceutica internazionale nata nel 2015 con sede a Norwalk (Usa) e ha diversi stabilimenti produttivi in Usa e in Europa. È specializzata nella fornitura di servizi tecnici e farmaceutici a terze parti. Ma soprattutto, la sua politica prevede l’acquisizione di impianti produttivi non più considerati strategici da parte di aziende multinazionali. Lo stabilimento di Liscate è il primo di Avara in Italia.