Cassano d'Adda (Milano), 4 luglio 2017 - Preoccupazione in città per le problematiche legate alla mancata presentazione del bilancio da parte di Città Metropolitana di Milano che potrebbero ritardare i lavori per terminare la tangenziale cassanese. L’ex Provincia di Milano ha mancato l’appuntamento del 30 giugno per la consegna del rendiconto di bilancio: i conti non tornano, occorrono circa  70 milioni per evitare il default, fiato sospeso, dunque, a Palazzo Isimbardi per ottenere la proroga sull’approvazione di bilancio e per l’arrivo del contributo statale che deve riparare ai conti in rosso.

La notizia ha suscitato preoccupazione nella città cassanese ritenendo che tutto questo possa incidere in modo negativo sulla ripresa dei lavori per ultimare la futura tangenziale. Roberto Maviglia, sindaco della città e consigliere delegato in Città Metropolitana di Milano, getta acqua sul fuoco delle preoccupazioni e prova a tranquillizzare i suoi cittadini. "Comunque vada, per ciò che riguarda i lavori della tangenziale non cambia nulla - spiega il sindaco -. Stiamo lavorando in Città Metropolitana perché si possa approvare il bilancio, il presidente del consiglio ha preso un impegno che riguarda il rinvio dei termini per l’approvazione del bilancio a fine settembre e poi anche quello di metterci le risorse. Ci aspettiamo venga rispettato".

Ottimista sui conti in rosso e idea chiare su come procedere con il cantiere tangenziale anche se tutto resta legato all’approvazione del rendiconto di bilancio. "I programmi non cambiano, tuttavia, è evidente che gli imprevisti possono essere sempre dietro l’angolo, contiamo di potere mantenere la tempistica che porta alla conclusione dei lavori per fine 2018 - ha continuato -. Si sta procedendo su tre diversi obiettivi. Il primo è quello in fase di conclusione, secondo la tempistica stabilita, che riguardava l’intervento sul pilone di sostegno del ponte sull’Adda. La fase due riguarda invece l’intervento che permetterà di collegare la rotatoria di via Eistein a quella di collegamento alla bretellina per l’uscita in corso Europa mentre dopo l’approvazione del bilancio, prossimo in questi giorni, si procederà al bando per l’assegnare gli ultimi interventi".