Mantova, 16 luglio 2017 - Il lieto fine non c'è stato. Il Mantova ha visto svanire la miracolosa salvezza conquistata in extremis sul campo e non è stato iscritto al prossimo Campionato di Lega Pro. Adesso l'ultima speranza dei tifosi virgiliani e di tutti coloro che hanno a cuore questa gloriosa società è che vengano trovati i fondi per far proseguire l'avventura biancorossa almeno dalla serie D. Anche in questo caso, però, il tempo stringe. Da domani verrà aperto un apposito bando pubblico per permettere a tutti gli interessati di presentare le loro offerte per mettersi alla guida del "nuovo" Mantova. Offerte che dovranno essere scritte e dovranno contenere le necessarie garanzie economiche, morali e tecniche per costruire un progetto credibile per il sodalizio virgiliano. Sarà possibile presentare offerte fino a venerdì 21 e in seguito il tutto verrà vagliato da un apposito Comitato cittadino che, entro il 25, assegnerà al sindaco Mattia Palazzi il compito di richiedere alla Figc il titolo sportivo per partecipare al prossimo Campionato di serie D.

Un percorso senza dubbio complicato che, però, dovrà trovare la giusta conclusione entro la fine del mese per poter ripartire dal vertice del calcio dilettantistico. Il professionismo, invece, si è perso per l'ennesima volta e la gestione del presidente Marco De Sanctis si è chiusa con un fallimento che, dopo aver visto rigettare la domanda di iscrizione al prossimo Campionato (e il mancato ricorso della società stessa contro questa decisione), ha lasciato "sul tavolo" centinaia di migliaia di euro di stipendi non pagati e di debiti di varia natura che ora sono in attesa di risposte che difficilmente potranno ottenere.