Mantova, 21 agosto 2017 - Rintracciate e recuperate nella Bergamsca sette automobili di lusso ( Bmw 730, Bmw X6, Mercedes CL 63, Audi A3, Audi A4, Bmw M4, Mini Cooper). Era sparite circa una settimana fa da una concessionaria nel Mantovano. Nei guai un allevatore 38enne di Scanzo. 

Nella notte tra giovedì 17 e venerdì 18, i militari della Guardia di Finanza al Nucleo di Polizia Tributaria di Mantova e alla Tenenza di Castiglione delle Stiviere, unitamente a personale della Polizia di Stato di Mantova specialità Polizia Stradale hanno ritrovato le vetture, già sottoposte a sequestro preventivo nell’ambito dell’Operazione 'Formula', coordinata dalla Procura della Repubblica di Mantova. Le auto, di proprietà di una concessionaria riconducibile a un imprenditore, erano state sottoposte a sequestro preventivo finalizzato alla successiva confisca in relazione alle ipotesi di reato di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di truffa ai danni di privati e ai danni dello Stato, contestati all’imprenditore.

Quest’ultimo, dopo Ferragosto, al rientro da un periodo di ferie aveva riscontrato l’assenza presso l’autosalone delle autovetture e aveva comunicato l’accaduto alle autorità, con il contestuale avvio delle necessarie indagini. Pochi giorni prima, tuttavia, il personale di polizia giudiziaria aveva notato la presenza di una bisarca nelle vicinanze della sede di un’azienda collegata all’imprenditore: insospettiti dalla circostanza, gli agenti avevano provveduto a rilevare la targa del mezzo che ha consentito di risalire a una ditta bergamasca di autotrasporti e, di conseguenza, all’ignaro conduttore del mezzo.

Gli ulteriori accertamenti eseguiti hanno consentito di accertare che a quest’ultimo era stato commissionato il trasferimento delle macchine nel territorio bergamasco e la relativa consegna a un trentottenne bergamasco, allevatore, pluripregiudicato con precedenti di polizia specifici per riciclaggio, ricettazione e appropriazione indebita. Con l’ausilio di mezzi tecnici, è stata così individuata una delle autovetture oggetto di furto (Bmw M4), che era stata nascosta proprio presso l’abitazione della mamma del bergamasco. Raggiunto dai militari, quest’ultimo ha ammesso l’acquisto, per la successiva rivendita, delle sette autovetture, a lui cedute presso la sede dell’imprenditore. Il bergamasco è stato denunciato per ricettazione e le autovetture, il cui valore commerciale complessivo supera i 300mila euro, sono state nuovamente sottoposte a sequestro per la successiva confisca. Le vetture sono finite anche nei garage di alcuni amici dell’allevatore che, a quanto pare, non hanno nulla a che fare con il presunto illecito. Alcune erano già targate, altre ancora da immatricolare.