San Rocco al Porto, 4 maggio 2017 - Elezioni amministrative, per il centrosinistra, nella Bassa, sono gioie e dolori. Ad un mese circa dal voto a Castiglione d’Adda e San Rocco infatti, e a una decina di giorni dalla scadenza per la consegna delle liste, sono diversi gli umori nei due centri. A San Rocco ieri è stato ufficializzato come candidato sindaco, Matteo Delfini. Classe 1978, Delfini lavora a Piacenza come assistente sociale per adulti nei quartieri uno e tre e già in passato aveva fatto parte dell’amministrazione sanrocchina, durante il secondo mandato Ravera, ricoprendo per tre anni, prima delle dimissioni, il ruolo di assessore al Bilancio.

«Penso che per me e quelli della mia generazione sia venuto il momento di fare qualcosa per garantire un futuro migliore alle nuove generazioni – spiega Delfini –. Sono sorpreso dalla decisione di scegliere me come candidato sindaco, ma sono pronto e con l’ottima squadra di lavoro sono convinto che faremo bene. Nei prossimi giorni consegneremo la lista effettiva che sarà composta da un mix di giovani e persone d’esperienza». Un Delfini che sa quali sono le difficoltà nell’amministrare un Comune, ma si sente pronto sapendo che l’unione è l’arma principale per riuscire bene.

«Quando si governa inizialmente si è euforici, poi iniziano i problemi e bisogna essere bravi rimanendo uniti a superare le difficoltà». Una scelta che soddisfa anche il segretario cittadino del Pd, Claudio Filippucci. ««Con Delfini arriva un vento nuovo, di gioventù, ma anche esperienza – commenta –. La sua sarà una lista civica di centrosinistra che il Pd appoggerà. Abbiamo voluto dare un segnale d’apertura, facendo capire che il vecchio gruppo di lavoro (Patto per San Rocco, ndr) è aperto a tutti». Nubi scure invece attorniano Castiglione dove il Pd rischia di non riuscire a formare una lista per l’assenza di un candidato. «Pur essendo state interpellate varie persone, al momento non è stato identificato un candidato né del Pd né di area civica – spiega il segretario cittadino, Umberto Daccò –. Ringrazio a nome del gruppo di lavoro Pd il grande impegno profuso da Pietro Cremonesi in questi mesi per la ricerca di un candidato, ma, ovviamente, deve essere rispettata la volontà delle persone, che non si possono obbligare vista la ricaduta che un ruolo come quello di sindaco può avere».