Lodi, 28 giugno 2017 - Sulla scrivania del sindaco resta solo un fascicolo: si tratta del bilancio consuntivo 2016, ultimo atto approvato dal commissario prefettizio Mariano Savastano prima di lasciare il Comune dopo 10 mesi al comando. Partirà proprio da qui il mandato di Sara Casanova, 40 anni, primo sindaco donna nella storia della città che ieri si è insediata a Palazzo Broletto. "Guarderemo nei cassetti del Broletto, con grande attenzione al bilancio e allo stato delle casse comunali", ha ribadito più volte la leghista durante la campagna elettorale che l’ha vista protagonista della vittoria al ballottaggio insieme alla sua coalizione e all’ex forzista Lorenzo Maggi.

La commissione elettorale, ieri a mezzogiorno, ha dato il via libera alla proclamazione dei candidati eletti, che comprende oltre al primo cittadino anche i nominativi dei nuovi consiglieri comunali. Intorno alle 14.30 l’arrivo in Comune: il sindaco Sara Casanova accompagnata dal leghista Luigi Augussori è salita al primo piano del palazzo comunale per le foto di rito. Già fittissima di appuntamenti l’agenda del neo eletto sindaco. Si è tenuta, infatti, già qualche ora dopo l’insediamento alla guida del Municipio, la prima riunione con i vertici di Sal (Società acqua lodigiana), la municipalizzata dell’acqua che ha sede al polo fieristico di Lodinnova. Stamattina, invece, il sindaco Casanova incontrerà i tre dirigenti in carica al Comune (l’ingegnere Giovanni Ligi, Barbara Rampini del settore Economico finanziario del Comune e Giuseppe Demuro, il vice segretario generale, a processo con l’ex sindaco Simone Uggetti per turbativa d’asta) e farà un primo giro per gli uffici comunali. Tra i primi atti che il primo cittadino dovrà sottoscrivere c’è quello per la nomina del nuovo comandante della Polizia locale, dopo l’addio di Angelo Di Legge. La presentazione della nuova Giunta è attesa entro venerdì.

La coalizione che ha sostenuto la Casanova è a lavoro per riuscire a completare la squadra di assessori (al massimo otto) che costituirà la prima amministrazione di centrodestra a distanza di oltre vent’anni dall’ultimo mandato leghista dell’ex sindaco Alberto Segalini. Di sicuro, la poltrona di vicesindaco verrà assegnata a Lorenzo Maggi, che ricoprirà anche la carica di assessore al Bilancio. Tra i giovani che hanno sostenuto Maggi, il sindaco Casanova è pronta a dare l’ok per l’ingresso in Giunta del 25enne Alberto Tarchini. Un altro nome dovrebbe essere quello di Marco Pavese, esponente di Forza Italia. Per la Lega Nord il nome sicuro che ricoprirà un ruolo in Giunta è quello di Luigi Augussori.