Brembio (Lodi), 23 maggio 2017 - Arrivano come un fulmine a ciel sereno a Brembio le dimissioni del consigliere di maggioranza Giampietro Tonani. Ieri mattina infatti l'ormai ex consigliere, con delega a lavori pubblici e urbanistica, ha notificato la propria decisione "dopo una serie di mesi in cui c'erano incomprensioni politico/amministrative. La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata la stradina bianca (che porta i trattori a non intasare più il centro del paese e che prevede un esborso di 35mila euro suddivisi tra amministrazione e agricoltori coinvolti, ndr). Come tavolo tecnico istituito da questa amministrazione io e Botti (Giuseppe, consigliere di minoranza, ndr) abbiamo rilevato alcune lavorazioni che non ci convincevano e quindi abbiamo fatto una relazione protocollata il 29 aprile dove chiedevamo una serie di informazioni alla giunta e al sindaco: ad oggi non è arrivata nessuna risposta. Inoltre sabato mattina in una riunione con il sindaco, il vicesindaco e altre persone mi sono sentito offeso ed è venuta meno la fiducia da parte del vicesindaco nei miei confronti. Questo mi ha fatto decidere che era meglio togliere il disturbo". Sempre disponibile verso la cittadinanza, Tonani non si è mai tirato indietro per migliorare alcune criticità di Brembio. "Mi sono speso per un'amministrazione nuova e al tempo stesso trasparente, seria e partecipata - prosegue -. Ho sbagliato a credere in una meritocrazia inesistente, questo impegno mi entusiasmava, ero fiero ed orgoglioso, ho sacrificato tempo denaro per nulla. Ho sempre rifiutato in questi otto anni il premio gettone, facevo tutto con passione e dedizione, poi è venuta a meno la fiducia quindi inutile restare".