Brembio 8Lodi), 1 luglio 2017 - L'Allogel, società avviata a Brembio da quasi 35 anni e specializzata nel trattamento di pesce surgelato, è salva. È stato siglato ieri infatti il closing dell’operazione di cessione dell’unità produttiva alla società Allofish, che proseguirà l’attività aziendale mantendendo viva una delle eccellenze del territorio. L’accordo è stato possibile anche grazie al supporto della Bcc Laudense (partner finanziario) e del consorzio Artfidi Lombardia. «L’istituto di credito ha concesso un finanziamento, garantito in parte da Artfidi. L’operazione appare importante nel tessuto produttivo della Provincia di Lodi, perché garantisce la continuità aziendale del “polo del freddo” di Brembio, salvaguarda una ventina di posti di lavoro, tutela l’indotto, fornisce nuove prospettive di sviluppo al comparto e si pone come un modello virtuoso in un frangente di crisi» sottolineano i protagonisti dell’operazione. Allofish, acquisendo lo stabilimento e le linee di produzione di Allogel, potrà proseguire nell’attività di lavorazione e confezionamento di prodotti ittici surgelati e stoccaggio in celle frigorifere per il mercato della grande distribuzione organizzata.

Allofish è partner di alcuni dei principali gruppi attivi nel settore della grande distribuzione organizzata e intende raggiungere un incremento dei volumi lavorati a Brembio e del fatturato. Allogel era in concordato preventivo da maggio 2014. "Si chiude positivamente un lungo e travagliato processo di transizione famigliare che ci consente di proseguire nell’attività avviata quasi 35 anni fa dai nostri genitori, preservando l’integrità del patrimonio aziendale, del sito produttivo-fiore all’occhiello nel panorama nazionale del settore surgelati" affermano i tre fratelli Alloni chiamati ad una eredità gestionale di grande responsabilità. "Bcc Laudense - aggiunge Fabrizio Periti, direttore generale della Bcc Laudense – si pone al fianco di un primario operatore del settore food, dimostrando, pur in un contesto economico difficile, l’alto senso di responsabilità sociale tipica del fare banca di territorio". "Consapevoli, come siamo, che, a differenza di altri distretti territoriali la crisi economica che attanaglia il Lodigiano dal 2010 è ben lontana dall’essere alle spalle - dichiara Mario Bellocchio, responsabile locale del Confidi Artfidi Lombardia - e, anzi, continua a mietere vittime tra le nostre aziende, in questa situazione non potevamo non esserci".