Camairago (Lodi), 9 agosto 2016 - È stato mandato a processo per citazione diretta l'automobilista di 30 anni di Codogno che il 30 luglio dello scorso anno aveva falciato una comitiva di cicloamatori sulla Strada provinciale 27 a Camairago ed era poi fuggito senza prestare soccorso: in 15 erano caduti e 8 erano rimasti feriti.

Nessuno aveva perso la vita ma diversi ciclisti avevano riportato complesse fratture. All'uomo, che si era poi reso irreperibile per diverse ore prima di costituirsi ai carabinieri, è contestata anche la guida sotto l'effetto di stupefacenti e si applica la legge sull'omicidio stradale che era entrata in vigore appena tre mesi prima dell'incidente. Ha trascorso tre mesi agli arresti domiciliari e si è poi volontariamente sottoposto a un programma in una comunità di recupero, con l'obbligo di firma.