Codogno (Lodi), 7 gennaio 2018 - I ladri non danno tregua alla Bassa. Altra ondata di furti all’interno di abitazioni nella serata di venerdì. I malviventi si sono spostati di qualche chilometro rispetto all’obiettivo ”privilegiato“ di Caselle Landi e hanno messo a segno almeno sei blitz tra Maleo, Codogno e Castiglione d’Adda, quest’ultimo comune già martoriato negli ultimi giorni. A Castiglione, brutte sorprese per due famiglie di via Libertà, una traversa di via della Vittoria: i malviventi si sono materializzati con il buio, approfittando dell’assenza momentanea dei proprietari. In un caso, il padrone di casa ha scoperto l’incursione all’ora di cena, nell’altro solo a notte inoltrata tornando a casa.

Monili e denaro in contanti il bottino della banda. In un casoi banditi hanno trovato addirittura circa 10mila euro in contanti. Non sazi dei blitz, i ladri hanno scorrazzato anche a Codogno, colpendo in due appartamenti in viale Resistenza, nell’ultimo tratto del lotto residenziale di fronte agli impianti sportivi. Stesso modus operandi anche in questo caso: forzatura di porte finestre e caccia spasmodica ai preziosi. La gang ha pure spaziato verso Maleo, cercando di entrare in altre due case, in via Deledda e in via Trieste e mettendo tutto a soqquadro. Il territorio sta vivendo un periodo senza precedenti con i furti: non è escluso che i ladri abbiano una base in zona o effettuino scorribande partendo dalla Bassa Cremonese.

Intanto si moltiplicano le mobilitazioni delle persone che, attraverso apposite app, si tengono in contatto tra di loro segnalando eventuali persone e macchine sospette. A San Fiorano, il sindaco Mario Ghidelli, che ha attivato in paese ben tre gruppi whatsapp, chiede con forza che in ogni Comune si promuovano simili esperienze in modo che tutta la Bassa sia coordinata e coperta da una rete di sorveglianza attiva. A breve a Caselle si terrà una riunione del comitato per l’ordine e la sicurezza.