Casalmaiocco (Lodi), 7 settembre 2017- Detenzione di stupefacenti ai fini dello spaccio e resistenza a pubblico ufficiale, marocchino 19enne finisce in cella. Nella serata di ieri 6 settembre i carabinieri della stazione di Tavazzano stavano pattugliando Casalmaiocco. Ad un tratto la pattuglia, che si trovava lungo la strada provinciale 159, ha notato un’auto dileguarsi. Alla vista dei militari, infatti, il conducente ha bruscamente sterzato in una strada sterrata attirando l’attenzione delle forze dell’ordine. Con il giovane al volante c’era un passeggero che cercava di nascondersi tra i sedili posteriori. E’ però comunque scattato il controllo del veicolo. Il ragazzo alla guida si è fermato all’alt dei carabinieri mentre il passeggero, appena l’auto si è fermata, ha aperto la portiera posteriore ed è fuggito. O almeno ha cercato di correre lontano tentando di dileguarsi nei campi adiacenti e liberandosi nella fuga di un involucro contenente 5 grammi di cocaina.

La droga però è stata immediatamente recuperata e il fuggiasco raggiunto e bloccato. Si trattava  del  19enne marocchino M.B. residente a Milano e con precedenti di polizia che, dopo una breve colluttazione, senza per fortuna feriti, si è arreso ai militari che l’avevano inseguito a piedi. L’adolescente è stato perquisito così come il veicolo e gli sono stati trovati 21 grammi di eroina, 17 grammi di marijuana divisa in due involucri, un bilancino di precisione, materiale per il confezionamento e la somma di € 465 in piccolo taglio, presumibilmente provento del reato di spaccio, tutto posto sotto sequestro. Il 19enne quindi, colto nella flagranza del delitto di detenzione di sostanze stupefacenti a fini di spaccio e vista anche la resistenza a pubblico ufficiale, è stato arrestato. Durante la direttissima di oggi  il fermo è stato convalidato e l’indagato rilasciato con la misura cautelare dell’obbligo di dimora in Milano che si somma  all’obbligo di presentazione quotidiana ai carabinieri. Per il conducente del veicolo invece, piacentino che ha ammesso di essere un consumatore e cliente del 19enne, da cui avrebbe preso cocaina, per poi dargli un semplice passaggio, è scattata soltanto una segnalazione in prefettura in quanto assuntore.