Crespiatica, 6 ottobre 2017 - Aree industriali adibite a discariche abusive, scatta un doppio sequestro. La guardia di finanza di Lodi ha contestato ai proprietari il mancato versamento di oltre 200mila euro di ecotassa. Le fiamme gialle hanno appena messo i sigilli a due aree industriali, che si trovano nel comune di Crespiatica e appartengono a due grandi aziende operanti nel settore della logistica ed ora in fase di dismissione (rispettivamente di circa 34.000 mq e 17.000 mq) perché nel tempo sono state utilizzate come discariche abusive.

Sono state trovate 18mila tonnellate di rifiuti che, sentita anche l’Arpa, in parte sono pericolosi. Si va da materiali ferrosi (tubi, container, manufatti, scaffalature), a bidoni contenenti olio minerale, bombole contenenti gas (CO2, ossigeno), solventi, guaine in plastica/gomma, fusti metallici e plastici contenenti oli lubrificanti, carcasse di autoveicoli, materiale elettronico, pneumatici, resti di cassoni in vetroresina, rifiuti urbani generici e, infine, almeno 9 canali deteriorati di eternit, potenzialmente nocivi per la salubrità dell’ambiente.