Lodi, 5 marzo 2017- Segnalazioni riguardanti gli animali in difficoltà spesso ignorate “un corso informerà i preposti in merito agli obblighi di legge”. E’ il pensiero di Amici animali onlus di Lodi che si appella alla sensibilità delle amministrazioni del Lodigiano affinché inducano le proprie polizie locali a partecipare all’iniziativa organizzata da Associazione comuni del Lodigiano per domani lunedì. Dalle 9 alle 13, in provincia, a palazzo San Cristoforo, via Fanfulla 12/14 a Lodi, la sala dei comuni ospiterà un seminario nato in collaborazione tra Acl, Amici Animali Lodi e la Provincia e intitolato "Parliamo di animali: incontro di aggiornamento con la Polizia Locale dei Comuni del Lodigiano". L’adesione è gratuita per i soci Acl, di cui interverrà il presidente Giuseppe Sozzi e per partecipare occorre inviare tempestivamente la scheda d’adesione reperibile tramite i soggetti coinvolti, debitamente compilata, all’indirizzo e-mail acl.formazione@ascolod.it oppure via fax al numero 0371.442347. Al termine della mattinata sarà consegnato un attestato di partecipazione.

I relatori saranno il dott. Luigi Galimberti, Medico Veterinario, Dirigente del Dipartimento di Prevenzione Veterinaria dell’ATS Città Metropolitana di Milano Emanuele Arensi, Vice Presidente dell’Associazione Amici Animali Lodi, già Garante dei Diritti Animali della Provincia di Lodi e Angelo Bocchioli, Presidente dell’Associazione Amici Animali Lodi. La relazione prevista per il corso in oggetto rientra tra gli obiettivi “Piano regionale triennale degli interventi di educazione sanitaria e zoofila, di controllo demografico della popolazione animale e di prevenzione del randagismo", ai sensi della L.r. n. 15/2016. Tra le azioni finalizzate a tutelare la salute e il benessere degli animali d’affezione sono previsti percorsi di apprendimento non formali indirizzati anche agli operatori di Polizia Locale. Tenuto conto del ruolo dei Comuni per il controllo del randagismo e la tutela degli animali d’affezione, è opportuno che gli operatori di Polizia Locale siano preparati per agire in termini di prevenzione e per coordinarsi.