Legnano (Milano), 8 febbraio 2018 - "Devono prendere questi animali, non voglio chiamarli persone, e farli marcire in galera". Questa era stata la richiesta della trentenne legnanese di origine etiope aggredita col marito dallo stesso branco che stuprò la turista polacca lo scorso agosto a Miramare. Una richiesta in parte accontentata dal gup del tribunale dei minori di Bologna che ha condannato i tre minorenni a 9 anni ed 8 mesi durante il rito abbreviato andato in scena oggi nella città emiliana. A 16 anni era stato già condannato l'unico maggiorenne del gruppo, il congolese 20enne Butungu, il capobranco. La trentaduenne di origine etiope adesso attende col compagno il processo che li riguarda, col tentativo di stupro ai suo danni, il furto di telefoni e portafoglio e l'aggressione.