Nerviano (Milano), 16 luglio 2017 - Un pezzo di arredo urbano del futuro è già realtà. Si tratta della fontanella invisibile dell'acqua pubblica ed è il risultato di un progetto originale e innovativo, in grado di dare una nuova forma alle fontanelle, senza stravolgerne l’essenza. La prima in tutto l'Altomilanese è stata inaugurata a Nerviano. Arriva da Cap Holding ed è stata immaginata da Carlotta Antonietti e Marzia Tolomei, due studentesse del Politecnico. La fontana invisibile è andata ora a impreziosire il parchetto di via Roma.

"Vorrei ringraziare i nervianesi - ha detto il sindaco Massimo Cozzi - perché se abbiamo ora questa fontanella è solo merito loro. Cap Holding, ce l'ha donata infatti come riconoscimento per il numero percentuale di cittadini che ha deciso di passare dalla tradizionale bolletta cartacea a quella elettronica". In estrema sintesi il progetto intende rivisitare uno dei più caratteristici arredi urbani italiani, le fontanelle, riproponendole attraverso le più innovative tecniche di progettazione per cercare di valorizzare un oggetto di arredo urbano poco notato, dalla sagoma familiare ma che si tende a dare per scontato. "Per attirare l’attenzione - spiegano da Cap Holding - , la classica sagoma della fontanella è stata ricavata, tramite la tecnica del taglio laser, da una lamiera di metallo verniciato e piegata per creare lo spessore necessario a coprire la tubazione. Il rubinetto è solo disegnato ma è posizionato in modo da dare l'illusione che l'acqua fuoriesca effettivamente da esso". Una fontanella insomma capace di evocare un elemento presente nell’immaginario collettivo senza dargli una sostanza ma solo un contorno. E tutto questo ora fa bella mostra a Nerviano.