Abbiategrasso (Milano), 10 ottobre 2017 - Si è realizzato il sogno di Anffas Abbiategrasso. Il nuovo centro residenziale per disabili intellettivi adulti «Dopo di noi, con noi» è stato completato e inaugurato. Un luogo dove queste persone potranno trascorrere la loro vita anche quando i genitori non ci saranno più. Il progetto nato nel 2009 è ambizioso e risponde in modo concreto ad un bisogno sociale impellente. «Ci impegniamo a preparare il futuro dei nostri cari insieme a loro adesso che le forze ci sostengono - ha spiegato il presidente di Anffas Abbiategrasso, Massimo Simeoni - per non trovarci impreparati nel momento dell’estremo bisogno ed essere costretti ad accettare qualunque soluzione, anche se non ottimale, magari in un luogo lontano da casa e dagli affetti di una vita». Nel 2012, dopo un percorso condiviso con il Comune di Abbiategrasso che ha donato il terreno sul quale sorge il centro, è stata costituita l’associazione «Il Melograno», con il compito di realizzare il sogno.

L’edificio di 900 metri quadri e due piani comprende 20 posti letto e sorge proprio accanto al centro diurno che già esiste ed è frequentato da una trentina di disabili. Il piano superiore risulta ancora inutilizzato. Questo perché nel futuro vi sarà collocato un condominio sociale, dove le persone con disabilità meno gravi potranno organizzarsi per convivere in maniera abbastanza autonoma. Il costo dell’intera opera? Circa 2 milioni e 400mila euro, la metà dei quali sarà pagata attraverso un mutuo ventennale di 70mila euro l’anno. Una parte fondamentale nella realizzazione del centro residenziale è stata giocata dai privati donatori e da oltre 40 associazioni del territorio, che hanno organizzato numerose raccolte fondi ed eventi a scopo benefico in favore di Anffas.

Mattatore della cerimonia è stato il comico di Zelig Stefano Chiodaroli, chiamato a dare ritmo tra i numerosi interventi delle tantissime autorità presenti presenti: dai rappresentanti dei Comuni sul territorio, a Regione Lombardia, il Parlamento e pure l’Europarlamento. Con loro anche i vertici nazionali Anffas: il presidente Roberto Speziali, il direttore generale Emanuela Bertini e Emilio Rota, presidente di «Dopo di noi». Le fondazioni Cariplo e Ticino Olona. Negli anni Anffas Abbiategrasso si è allargato: oltre ai 27 dipendenti di oggi ci sono 90 volontari che donano tempo ed energie per aiutare i disabili.