Legnano (Milano), 7 dicembre 2017 - Hanno rubato merce all'Esselunga e poi sono fuggiti: quando un addetto alla sicurezza li ha visti, inseguiti e ha provato a fermarli, per tutta risposta gli hanno scagliato addosso le bottiglie di birra da poco rubate. Solo grazie all'intervento di una pattuglia della polizia locale e, ancor prima, di un agente della polizia di Stato in borghese, uno dei due ladri è stato fermato e arrestato con l’accusa di furto aggravato e rapina impropria, mentre l’altro è riuscito a fuggire.

L'episodio è acceduto al supermercato Esselunga di viale Sabotino. I due ladri sono entrati nell'esercizio commerciale e hanno iniziato a riempire tre sacchetti con prodotti alimentari e bevande, dopo di che hanno provato ad allontanarsi utilizzando il cancelletto di sola entrata del supermercato e senza pagare alle casse. Un addetto alla sicurezza, che li stava già tenendo sotto controllo, ha cercato di fermarli per chiedere spiegazioni, ma i due si sono dati alla fuga.

Mentre venivano allertati gli operatori della polizia locale, i due hanno iniziato a lanciare bottiglie di birra contro l'addetto alla sicurezza, cominciando poi a spintonarlo, una volta raggiunti, per divincolarsi. In supporto all'addetto alla sicurezza è poi intervenuto anche un agente della polizia di Stato in borghese e fuori servizio: uno dei due è comunque riuscito a divincolarsi e a fuggire mentre l’altro, H.H. di 18 anni, extracomunitario di nazionalità tunisina, irregolare e già gravato da ordini di espulsione, è stato infine arrestato con l’accusa di furto aggravato e rapina impropria.