Legnano (Milano), 15 luglio 2017 - Nascondeva la cocaina da spacciare in una cassetta telefonica che si trova in via Aurelio Robino a Legnano. E poi la vendeva in una zona a ridosso di viale Sabotino. Il suo business illecito insomma gravitava tutto nell'Oltrestazione. A scoprire i suoi sporchi affari sono stati però i carabinieri di Legnano che dopo aver raccolto delle segnalazioni, si sono appostati nei pressi di viale Sabotino, monitorando la zona. E alle 17, il sospettato è arrivato a bordo della sua Ford Fiesta grigia. I militari dell'Arma lo hanno così seguito fino alla via Aurelio Robino.

Qui il giovane ha accostato l’auto alla strada, è sceso e, dai piedi di una cassetta teLo spacciatore nascondeva la cocaina ai piedi di una cassetta telefonica di via Robinolefonica che si trova a margine della carreggiata, ha prelevato appunto un involucro di cellophane bianco, risalendo velocemente in macchina. Dopo essere partito e aver imboccato il il viale Sabotino in direzione del centro città, i carabinieri lo hanno bloccato sbarrandogli la strada. Addosso aveva alcune centinaia di euro e all’interno dell’auto c'era il sacchetto con 10 dosi di cocaina. Sul posto, vicino alla cassetta telefonica, altre cinque dosi identiche a quelle trovate in auto. Presso l’abitazione del giovane sono poi stati rinvenuti complessivamente 2000 euro in contanti e materiale per il confezionamento. Il giovane M.E., 20 anni e di origine albanese, è stato così arestato per detenzione ai fini di spaccio.