Lecco, 13 aprile 2017 – In provincia di Lecco la Pasqua vale 140 milioni di euro, una “sorpresa” frutto della vendita di dolci, uova di cioccolato e altri prodotti tipici del periodo.

Nel settore lavorano inoltre quasi quattrocento addetti, 399 per la precisione, impiegate nelle 18 imprese di produzione di pasticceria fresca, cacao, cioccolato, caramelle e confetterie, vini, spumanti e vini speciali e di commercio al dettaglio . Le società di produzione di pasticceria fresca sono in tutto 16, 2 quelle di cacao, cioccolato e confetterie, 6 quelle di vendita al dettaglio, il 12,5% e 2 in più delle 16 dell'anno scorso.

In provincia di Como invece i ricavi pasquali si aggirano sui 28 milioni di euro. Gli addetti complessivamente sono 200, in aumento del 4,2% e le imprese attive 36, in crescita del 9,1%.

Le imprese del comparto lombarde invece sono complessivamente 758 imprese sulle 7mila totali in Italia, con 10mila addetti in Lombardia su 42mila in Italia. La Lombardia pesa per business nel settore 3 miliardi di euro, su un totale nazionale di circa 8 miliardi. “É una Pasqua che tende a riportare sulle tavole delle famiglie la tradizione – commenta Pietro Restelli, presidente dell'Associazione panificatori di Milano, Monza e Brianza e Province - Rilevo la propensione del consumatore ad acquistare un prodotto di qualità per celebrare, in famiglia, un momento di condivisione. Per quel che riguarda la tendenza, il 2017 non si discosta dall’anno che lo ha preceduto. La colomba artigianale è preferita dagli adulti. Per i più piccoli l’uovo rappresenta sempre un momento di festa, attesa e sorpresa”.