Lecco, 11 agosto 2017 – Dopo la chiusura del ristorante Cadorna 20 per il sospetto di infiltrazioni mafiose di ieri, quest'oggi è scattata la serrata di un altro locale pubblico, la spaghetteria New wild wood di corso Martiti della Liberazione a Lecco. Il timore di connivenze con i picciotti della 'ndrangheta questa volta però non c'entra nulla, nonostante all'attività siano legati personaggi più volte finiti sotto inchiesta per supposti legami con la criminalità organizzata. Il locale è stato chiuso per abusi edilizi e perché i dipendenti non erano in possesso di tutti i requisiti necessari per lavorare nel settore della ristorazione.

“Comunichiamo che in data odierna, venerdì 11 agosto, il Comune di Lecco ha provveduto a notificare al titolare dell’impresa individuale denominata New Wild Wood con sede legale in corso Martiri della Liberazione 127 a Lecco il provvedimento di divieto di prosecuzione dell’attività ai sensi dell’articolo 19, commi 3 e 4 della Legge 241/90 e successive modifiche integrative – si legge in una comunicazione di Palazzo Bovara -. Il provvedimento fa seguito alla difformità dei locali adibiti all’attività emersa durante sopralluogo tecnico e alla mancata dimostrazione di possesso dei requisiti professionali previsti dall’articolo 66 della Legge Regionale 6/2010 e s.m.i da parte del titolare d’impresa. E’ stata rilevata pertanto la sussistenza dell’interesse pubblico di cui all’articolo 21nonies della legge 241/90 e s.m.i nell’inibire con effetto immediato l’attività intrapresa in ragione del fatto che trattasi di pubblico esercizio, che per sua natura necessita di idonee caratteristiche di sicurezza, igiene e salubrità e che quindi non sussistono le condizioni per la sua fruizione da parte dell’utenza e degli stessi operatori”.

In particolari sarebbero stati eseguiti alcuni lavori non autorizzati sia all'interno, sia nel cortile esterno. Da tempo inoltre i residenti della zona lamentano e denunciano schiamazzi ad ogni ora del giorno e della notte. 

di D.D.S.