Dervio (Lecco), 8 gennaio 2018 – Anno nuovo, controsoffitti nuovi. Alla scuola media di Dervio sono stati ultimati i lavori di messa in sicurezza dei solai. L'intervento dal costo di 30mila euro, è consistito nella realizzazione di uno speciale sistema di controsoffittatura fissato ai travetti del solaio, una sorta di rete di sicurezza qualora dall'alto si dovessero staccare intonaco o altri detriti. “Tante volte le cronache nazionali si sono purtroppo occupate di crolli di intonaco dai soffitti delle scuole, e per evitare per quanto possibile questo problema, come Amministrazione comunale abbiano commissionato a tecnici specializzati un attento rilievo ed un'analisi geometrica, strutturale e di sicurezza della scuola media – spiega il sindaco Davide Vassena -. E' stato riscontrato un buono stato di conservazione e di sicurezza statica: sono infatti state rilevate solo alcune aree circoscritte potenzialmente soggette ad un fenomeno di sfondellamento dei solai”.

Lo sfondellamento non è indice di un problema strutturale, ma consiste nella possibilità di un eventuale distacco e nella successiva caduta della parte inferiore delle pignatte dei solai e dell'intonaco. Lo sfondellamento, seppur non rappresenti appunto un problema strutturale, può però diventare un pericolo per la sicurezza di ambienti e persone, in quanto il carico che si stacca dal solaio può raggiungere anche un peso di 40 0 50 chilogrammi per metro quadrato e generare situazioni imprevedibili. “A tal fine si è intervenuti realizzando uno speciale sistema di controsoffitto fissato ai travetti del solaio che, di fatto, fungerebbe da rete di sicurezza nel caso in cui si dovesse verificare il fenomeno dello sfondellamento, impedendo la caduta a terra di eventuali detriti – illustra il primo cittadino -. Si è inoltre intervenuti realizzando alcune opere murarie puntuali, dove erano stati eseguiti i saggi in fase di analisi, per mantenere la solidità e la sicurezza dei solai. La spesa complessiva è stata di circa 30 mila euro: soldi ben spesi per aumentare la sicurezza di chi frequenta le nostre scuole”.