Lecco, 14 settembre 2017 - Il presidente del gruppo Età d’oro del Cai di Lecco Marcello Sellari, 81 anni, è morto durante un’escursione in montagna in Svizzera, dopo essere precipitato in un burrone. La tragedia si è consumata nel pomeriggio di ieri alle pendici del Ghiacciaio del Morteratsch, una delle cime del gruppo del Bernina. Sellari si trovava insieme ad altri tesserati dell’associazione. Stavano rientrando da una gita alla Capanna Boval e si erano già lasciati alle spalle la parte più impegnativa del tragitto. "È scivolato oppure è inciampato ed è caduto in un tratto molto scosceso, precipitando per una settantina di metri", racconta Agostino Riva, braccio destro di Marcello Sellari, che ha assistito impotente alla sciagura. Sul posto sono intervenuti i soccorritori della Rega, la Guardia aerea elvetica di soccorso, ma non hanno potuto altro che constatare il decesso e recuperare la salma.

Sellari, originario di Milano ma trasferitosi a Lecco da tempo, lascia la moglie e due figlie grandi. La salma al momento si trova ancora in Svizzera, su decisione dei magistrati d’oltralpe che su quanto successo hanno avviato accertamenti d’ufficio. L’escursione non era considerata molto difficile né impegnativa, nonostante l’età dei partecipanti, proprio perché commisurata alla loro età. Marcello Sellari era partito al mattino da Lecco insieme a tutti gli altri. Dopo la risalita verso il rifugio fino ai piedi del ghiacciaio e il pranzo ad un’altitudine di poco superiore ai 2.500 metri si era rimesso in marcia verso valle per rincasare, ma proprio quando mancava ormai poco alla meta probabilmente ha messo un piede in fallo, un errore o una banale disattenzione che l’appassionato di montagna purtroppo ha pagato a caro prezzo.