Cremeno (Lecco), 12 agosto 2016 – Fedeli e villeggianti di Cremeno in festa per san Rocco. Come ogni anno dal 1836, il 16 agosto nel piccolo paese della Valsassina, si celebra il patrono grazie alla cui intercessione, in base alla tradizione, ha debellato la piaga del colera che affliggeva la comunità montana.

L’evento si tramanda dal 1836, anno in cui, a seguito di un voto fatto dai cittadini durante la pestilenza, trasportando la statua lungo del santo le vie dell'abitato, le invocazioni furono ascoltate. Quest’anno ricorre il 181° anno di devozione al santo da parte dei fedeli della parrocchia di Cremeno e Cassina . Nello stesso anno a Introbio per lo stesso motivo si appellarono invece alla Madonna della Neve di Biandino.

Alle 10 mercoledì verrà celebrata messa solenne da don Alfredo Comi, alle 15 quindi il suggestivo momento dell'incanto della statua, i vesperi e a seguire la processione guidata dall'ex prevosto don Gianni Dell’Oro, parroco dal 1998 al 2010. La processione sarà accompagnata dal Corpo musicale si Santa Cecilia di Barzio e dal coro parrocchiale. Partirà dalla prepositurale di san Giorgio martire per raggiungere la chiesta di san Rocco dove verrà effettuata la sosta e verrà impartita la benedizione per poi ritornare al punto di partenza per il bacio della reliquia.

A seguire a festa continuerà presso l’oratorio di san Giovanni Bosco con l’estrazione dei premi della lotteria per sostenete le molteplici esigenze e necessità della parrocchia. Verrà eseguito anche l'inno di san Rocco, composto nel 2012 dall’organista Massimo Borassi per la corale parrocchiale in occasione della partecipazione a Roma della parrocchia di Cremeno alla giornata di spiritualità in onore di san Rocco organizzata dall'Associazione europea degli Amici di san Rocco.