Notizie Lecco
 TV   FOTO E VIDEO BLOG SERVIZI LAVORO ANNUNCI CASA
Sempre più adesioni alla raccolta firme del comitato

Petrolio, i no sono quindicimila

di DANIELE DE SALVO
— ROVAGNATE —
È UN MOVIMENTO inarrestabile, quello composto dagli oppositori all’ipotesi di posizionare trivelle petrolifere nel cuore del Parco regiona...
Dimensione testo Testo molto piccolo Testo piccolo Testo normale Testo grande Testo molto grande
2009-07-04
di DANIELE DE SALVO
— ROVAGNATE —
È UN MOVIMENTO inarrestabile, quello composto dagli oppositori all’ipotesi di posizionare trivelle petrolifere nel cuore del Parco regionale di Montevecchia e della Valle del Curone, in località Bagaggera di Rovagnate. Nel giro di neppure tre settimane la petizione varata dal comitato «No al pozzo» - con cui si chiede alla Regione Lombardia, al Ministero dello Sviluppo economico e al Parlamento europeo di archiviare la pratica una volta per tutte - è stata sottoscritta da circa 13 mila persone, con un ritmo sempre crescente di quasi un migliaio di firme al giorno. Al computo andrebbero in realtà aggiunti i i moduli con altri nominativi già raccolti ma non ancora depositati e riconsegnati ai responsabili dell’iniziativa.

STIME, presumibilmente al ribasso, parlano di ulteriori 2 mila firme. Complessivamente quindi le firme hanno raggiunto almeno quota 15 mila. C’è chi da solo - come ad esempio Marco Casati, 32 anni di Rovagnate - ne ha racimolate ben 1.500. «L’argomento è talmente sentito che non è stato difficile - spiega lui stesso -. Le persone sono accorse da sole, senza bisogno di convincerle». Il giro si sta allargando anche ai paesi che non fanno parte del Meratese come Seregno, Besana Brianza e Mandello del Lario. Il tutto in vista della grande manifestazione del 12 luglio, quando, nel pomeriggio, nei due punti prescelti per cercare l’oro nero verranno simbolicamente piantati altrettanti gelsi e sarà organizzata una fiaccolata con la possibilità di degustare prodotti tipici locali. I prossimi appuntamenti per chi volesse sottoscrivere la petizione sono comunque quest’oggi a Lomagna, durante la Festa della birra; a Cascina Butto e Ca’ Soldato a Montevecchia e piazza della Vittoria a Cernusco Lombardone.

DOMANI sarà la volta ancora di Montevecchia e Cernusco, piazza della Chiesa a Besana, via Casati a Casatenovo e Mandello. Si può firmare anche nelle sedi del Cai di Calco, Montevecchia e Rovagnate, ai circoli di Legambiente di Lecco e Paderno d’Adda, al bar «La casa del caffè» di Merate, all’Arci di Osnago, la trattoria «Belvedere» di Perego e alla biblioteca comunale di Olgiate Molgora. «Per l’evento di metà mese ci piacerebbe arrivare a 20 mila firme - annuncia Paolo Mauri, geologo di 21 anni, segretario del comitato -. Sarebbe poi bello raggiungere nei prossimi mesi il traguardo delle 50 mila. Rappresenterebbe un segnale forte per le istituzioni e per la politica nazionale che a questo punto non può ignorare le nostre istanze».









Se il codice risultasse illeggibile CLICCA QUI per generarne un altro