Notizie Lecco
 TV   FOTO E VIDEO BLOG SERVIZI LAVORO ANNUNCI CASA
«No al pozzo»: 1.500 firme contro le trivellazioni

Petrolio, rischi per la salute

— ROVAGNATE —
SONO GIÀ 1500 le firme raccolte contro il progetto di trivellazione nel Parco del Curone. Un nuovo incontro organizzato dal comitato «No al pozzo» si è ...
Dimensione testo Testo molto piccolo Testo piccolo Testo normale Testo grande Testo molto grande
2009-06-17
— ROVAGNATE —
SONO GIÀ 1500 le firme raccolte contro il progetto di trivellazione nel Parco del Curone. Un nuovo incontro organizzato dal comitato «No al pozzo» si è svolto luendì sera a Rovagnate nello spazio dell’ex cinema parrocchiale. Al centro della serata l’intervento di Maria Rita D’Orsogna, ricercatrice presso la «California State University at Northridge Los Angeles» ed esperta di impatti ambientali a seguito di attività di trivellazioni petrolifere.

ATTRAVERSO delle slide, riportanti documenti e studi effettuati da esperti del settore, ha mostrato quali rischi e quali danni potrebbe comportare la ricerca del petrolio in Brianza. Uno scenario allarmante, con testimonianze di altre realtà italiane e mondiali. L’estrazione dai pozzi comporta innanzitutto l’utilizzo di fanghi e fluidi perforanti che hanno una composizione chimica segreta. Si sa però che all’interno ci sono sostanze tossiche, inquinanti e difficili da smaltire. Per un barile di petrolio estratto, infatti, si producono fino a 3 barili di risulta. Basti citare l’esperienza lucana del parco della Val D’Agri dove i lavori di scavo hanno creato innumerevoli discariche abusive di prodotti tossici.

L’INQUINAMENTO è diffuso nelle aree sottoposte a questa tipologia di lavori. A partire dalle falde acquifere ma non solo. Ci sono sempre esalazioni dovute ai trasferimenti del materiale. Il salone era gremito di persone che si sono stipate anche fuori dalle porte per ascoltare l’intervento della ricercatrice. «Tutto è partito il 15 gennaio quando circa 300 persone si sono riunite a Cascina Butto e alcune hanno dato la disponibilità per non disperdere il patrimonio – ha spiegato il presidente del comitato Alberto Saccardi – ci siamo poi ritrovato il 26 maggio per organizzarci in un comitato civico, trasversale e avente come solo obiettivo quello di tutelare l’area del parco, unica e non ricostituibile».

AD OGGI FANNO PARTE del comitato 15 persone, 7 residenti nei comuni del comprensorio e 5 esponenti di associazioni del territorio. Il comitato, in questo primo periodo, ha posto ai candidati alla presidenza della Provincia due domande in merito al futuro del Parco e ricevuto l’appoggio di Daniele Nava, Virginio Brivio e Marco Moschetti. Ma soprattutto ha promosso una raccolta firme per la petizione contro il progetto di ricerca di idrocarburi all’interno del Parco di Montevecchia e della Valle del Curone.









Se il codice risultasse illeggibile CLICCA QUI per generarne un altro