Milano, 12 gennaio 2018 - Troppe sterili polemiche accompagnano da anni il dibattito sulla parità uomo-donna e sul rispetto del genere femminile nei contesti lavorativi, familiari e sociali. Una seria riflessione sull’argomento deve valorizzare la dimensione della comunicazione interpersonale e coinvolgere i giovani e le scuole. Ne è consapevole il Comitato “Mi’mpegno” che, con altre associazioni (tra cui Telefono Donna), ha promosso il network “Idee per cambiare”, e darà vita, lunedì alle 18,30 all’Ambrosianeum, in via delle Ore 3 a Milano, a un convegno dal titolo: “La via del rispetto: generazioni oltre la parità”.  Il progetto si inserisce nell’ambito dell’iniziativa regionale “Progettare la parità in Lombardia 2017”. La Costituzione all’articolo 3 garantisce il valore dell’uguaglianza di fronte alla legge senza distinzioni di sesso, il che dovrebbe portare con sé l’effettivo riconoscimento della parità uomo-donna pur nel pieno rispetto delle diversità. Tanta strada è stata fatta nelle istituzioni e nelle aziende e si può dire che Milano più di altre realtà ha saputo tradurre in gesti e azioni concrete una matura sensibilità culturale in tema di parità come punto di partenza e non di arrivo.

«Il convegno di lunedì – dichiara Carmelo Ferraro, fondatore Comitato “Mi’mpegno”– vuole essere un momento di dialogo e confronto sul tema della parità di genere e del rispetto partendo dai giovani e dalla scuola. Nella nostra cultura la discriminazione tra uomo e donna è una realtà radicata ancora profondamente. Come accade quando si lavora per un cambiamento culturale, è necessario partire dall’educazione delle nuove generazioni per risolvere il problema. Avviare percorsi formativi idonei ad accompagnare studenti e studentesse verso la conoscenza di se stessi, aumenta il livello di consapevolezza della propria corporeità e facilita il rispettarsi fra di loro e il rifiuto di ogni forma di violenza». Lo scopo dell’iniziativa è anche quello di sviluppare nuovi modelli di comunicazione volti al superamento degli stereotipi, in particolare nelle scuole secondarie. Il Comitato “Mi’mpegno”, che ha promosso confronti pluralisti su temi socio-politici, sanità, migranti e famiglia, intende essere protagonista nel 2018 stimolando il confronto tra le componenti vive della società in un’epoca dominata dai social e nella quale gli incontri veri tra persone sono sempre più rari.