Milano, 6 dicembre 2017 - Con 34.330 euro di retribuzione media annua per dipendente, Milano mantiene saldo il primato della provincia con gli stipendi più alti d'Italia, mentre con 31.711 euro la Lombardia guida la classifica delle regioni italiane dove i lavoratori guadagnano di più. Lo rivela il Geography Index 2017, la classifica della retribuzione media rilevata nelle 107 province italiane, suddivise  in 3 fasce di merito: i verdi occupamo le prime 36 posizioni in graduatoria, gli arancioni dal 37esimo al 72esimo posto, i rossi dal 73esimo al 107esimo. E, manco a dirlo, tutte le lombarde si collocano nella prima fascia, guadagnando qualche posizione rispetto all'anno precedente. Solo Brescia arretra, mentre il balzo più consistente lo fa la provincia di Lodi che guadagna 12 posizioni..

Ma andiamo con ordine. La città metropolitana di Milano mantiene il primato nazionale, seguita dalla provincia di Monza Brianza che con 32.088 euro di retribuzione media annua per dipendente si piazza seconda, guadagnando una posizione rispetto al 2016. Bisogna scendere di alcuni posti prima di trovare un'altra provincia lombarda. Lecco è infatti 11esima con 30.227 euro, in aumento di una posizione rispetto al 2016. Al 18esimo posto si piazza Como, che con 29.844 euro di retribuzione media annua fa un balzo di sei posizioni rispetto all'anno precedente. Seguono a ruota le province di: Mantova, 19esima con 29.726 euro (aumenta di 2 posti); Cremona, 20esima con 29.721 euro (l'anno scorso era 22esima).

Significativo balzo in avanti anche per Varese, che con 29.701 euro di retribuzione media annua lorda per lavoratore si piazza 21esima, guadagnando 6 posizioni rispetto al 2016. Segue Bergamo, 22esima con 29.602 euro e in risalita di 4 posizioni rispetto all'anno precedente. Nella parte più bassa della prima fascia di merito retributivo spiccano: Lodi, 28esima con 29.275 euro ma in risalita di ben 12 posizioni rispetto al 2016. Pavia è 30esima con 29.157 euro (nel 2016 era 36esima). La maglia nera tra le province lombarde tocca a Brescia, che si piazza 32esima con 28.966 euro di retribuzione media annua, unica in calo di tre posizioni rispetto all'anno precedente.

Decisamente fuori dalla rosa delle Lombarde si piazza Sondrio, in 53esima posizione con 27.554 euro di retribuzione media annua lorda per lavoratore, a metà della seconda fascia di merito e stabile rispetto all'anno precedente.