Speciale Giorno dei ragazzi

IL COMMENTO

Studiare e fare i compiti è noioso?
La soluzione è in Rete

Totalmente gratis si trovano lezioni audio/video di ogni genere e e si può anche assistere, interagendo con domande al relatore, a lezioni in diretta

di Teresa Bettarello

Dimensione testo Testo molto piccolo Testo piccolo Testo normale Testo grande Testo molto grande

Mialno, 15 dicembre 2011 - A scuola c'è chi punta a galleggiare con la sufficienza, chi si fa vincere dalla pigrizia e chi invece dà il meglio. Tutti però, oggi molto più di ieri, più o meno concordano su un punto: aprire i libri è noioso. Quasi sempre. Insomma, se è difficile mantenere l'attenzione di fronte a un insegnante, figuriamoci davanti a delle pagine silenziose.

La soluzione? Sta nella Rete. Niente provocazioni. Che piaccia o meno, Internet è un canale di comunicazione straordinario. Perché allora non usarlo per fare didattica? Non ci riferiamo alle scuole (ché quelle dove effettivamente si usano supporti multimediali sono pochissime isole felici e, visti i tempi, chissà quando mai aumenteranno) ma alla libera iniziativa. Come quella di Marco De Rossi, 21enne milanese che ha pensato e creato oilproject.org, portale totalmente dedicato alla formazione. Ovvero? Ovvero, totalmente gratis si trovano lezioni audio/video di ogni genere (dalla Letteratura alla Musica, passando per Innovazione&futuro, Economia&Business e Lingue) e si può anche assistere, interagendo con domande al relatore, a lezioni in diretta (sul sito il calendario).

 E chi sono i relatori? Chiunque: su oilproject.org si trovano grandi nomi (come Andrea Cortellessa) e perfetti sconosciuti che hanno voglia di condividere il loro sapere. Sarà la Comunità a valutarne la qualità. Con anche la possibilità di segnalare errori e refusi. E sapete una cosa? A detta della redazione, non solo il portale è stato preso d'assalto dagli studenti (liceali, per lo più, ma anche neouniversitari), ma anche dai professori, entusiasti di mettere in rete le loro lezioni!