Crema (Cremona), 6 luglio 2017 - Presentata la Giunta. Dopo una settimana di lavoro e qualche tira e molla, ieri mattina anche l’ultimo tassello è andato a posto e il governo della città per i prossimi cinque anni è fatto. Anche se qualcuno dei prescelti è destinato a lasciare piuttosto presto. Le conferme sono Attilio Galmozzi, eletto nella lista Sinistra, che resta all’Istruzione, a Fabio Bergamaschi, che ha sbaragliato il campo con la sua lista Crema bene comune, rimane l’assessorato ai Lavori pubblici, Matteo Piloni (Pd), dopo qualche tira e molla, resta all’Urbanistica, ingloba il Commercio e lascia il Turismo, Morena Saltini (esterna), dopo aver dichiarato che per lei bastava così, terrà le Finanze. Nuovo arrivo è Alessandra Nichetti (Crema bene comune), professoressa di matematica, alla quale va l’assessorato alla Cultura con in più il Turismo. Michele Gennuso (Crema in comune) prende i Servizi sociali. Riguale deleghe. Walter della Frera (Crema bene comune) mantiene quella allo sport, arriva Emanuele Coti Zelati (Sinistra), case popolari, mentre quella dei rapporti con la minoranza sarà presto assegnata.

Il vicesindaco sarà Michele Gennuso. Il medico neo eletto e neo assessore è stato preferito ai due favoriti, Bergamaschi e Piloni, anche se la sindaca ha detto che il ruolo di vice non sarà affidato a una sola persona per cinque anni. Un po’ come dire che Bergamaschi arriverà in fondo alla legislatura, quando si trattera di lanciarlo come candidato sindaco. Novità anche nell’ufficio stampa, dove Lidia Gallanti non ha rinnovato il contratto di collaborazione, scaduto il 30 giugno. Visti gli assessorati, in Consiglio comunale avremo questi ingressi: al posto di Galmozzi Emanuele Coti Zelati; al posto di Bergamaschi e di Nichetti Sante Pedrini e Marcello Bassi; al posto di Gennuso entra Franco Lopopolo, mentre Piloni lascia il posto ad Anna Acerbi.