Cremona, 8 luglio 2017 - Niente più barriere architettoniche alla Scuola primaria Trento e Trieste. Nell'edificio sono infatti in corso i lavori per la realizzazione del vano che permetterà l'installazione dell'impianto di elevazione e gli interventi necessari per l'adeguamento dei servizi igienici. Il costo complessivo delle opere ammonta a 150.000 euro. L’edificio che ospita la scuola primaria Trento Trieste, costruito nei primi anni del '900, unico sino ad ora ad essere sprovvisto di ascensore, è stato a suo tempo inserito tra le priorità del programma di manutenzioni che riguardano l’edilizia scolastica messo a punto grazie ad un lavoro di stretta collaborazione tra l'Assessorato all'Istruzione e l'Assessorato al Patrimonio.

Dopo l'effettuazione del monitoraggio e della messa in sicurezza dei soffitti, in particolare quelli dello scalone principale, ora si provvede con gli interventi che l'Amministrazione si era impegnata ad eseguire incontrando i rappresentanti degli insegnanti ed i genitori, che avevano segnalato le criticità esistenti, già comunque all'attenzione dei competenti uffici comunali. Per farlo è stato necessario ottenere il nulla osta della Sovrintendenza per i Beni ambientali e architettonici, trattandosi di un immobile vincolato, nonché espletare tutte le procedure di gara e di aggiudicazione previste dalla vigente normativa. Le opere edili ed impiantistiche sono eseguite dall'impresa Secchi Costantino Srl, la fornitura e la posa del nuovo impianto di elevazione sono a cura della M.A.D. di Tomasoni Giuseppe E C. S.R.L. di Cremona, mentre la ditta Racchetti Alfredo Arnaldo di Cavatigozzi si occupa delle opere da fabbro. Per verificare come sta procedendo il cantiere, il Sindaco Gianluca Galimberti e l'Assessore al Territorio e Patrimonio Andrea Virgilio hanno compiuto un sopralluogo accompagnati da Ruggero Carletti, dirigente del Settore Progettazione, e da Giovanni Donadio, responsabile del Servizio Progettazione ed Edilizia Scolastica del Comune, che hanno redatto l'intera progettazione e seguono da vicino l'esecuzione delle opere.