Crema, 5 ottobre 2017 - Uno era intento a giocare con una slot machine, altri due avevano dei Gratta e vinci che stavano esaminando. Nel locale, una tabaccheria della città, sono entrati i vigili per un controllo non proprio casuale e hanno trovato questa scena che andava contro le norme di legge, visto che i tre ragazzi incontrati dalla polizia locale avevano solo 15 anni e la legge vieta loro di giocare e vieta al titolare di permetterglielo. È cominciata così una giornata particolare per il titolare della tabaccheria. Peraltro c’è anche da dire che il locale sembra sia chiacchierato se è vero che la segnalazione che qualcosa di anomalo lì dentro accadesse era arrivata da un consigliere comunale.

Trovati quindi i minori con le mani... sui giochi, i vigili hanno provveduto a stilare il loro rapporto. Pesantissimo, perché le sanzioni sono davvero onerose. Al titolare verrà elevata una multa che potrebbe arrivare anche a 10mila euro, ma abbiamo una recente notizia di un negoziante nel cui esercizio è stata trovata una 17enne intenta a giocare alle slot che è stato multato per 73mila euro. Tutto questo in Piemonte. Comunque, la questione non terminerà con la multa, perché il rapporto della polizia locale di Crema finirà a Cremona, inoltrato presso gli uffici ministeriali del Monopolio di stato, responsabile del gioco nei locali e del conseguente regolamento.I n base a quanto scritto nel rapporto, gli ispettori prenderanno la loro decisione che necessariamente comprende un periodo di sospensione della licenza per la tabaccheria e, quindi, di interruzione dell’attività per un lasso di tempo compreso da un minimo di 10 giorni a un massimo di 30.