Cremona, 11 giugno 2017 - Due li hanno presi i carabinieri, il terzo la polizia. Ma rocambolescamente. Guai e un paio di notti dietro alle sbarre prima del processo di lunedì per due stranieri e un italiano, catturati dopo alcuni furti portati a termine ai danni degli stand di Crema medievale, la manifestazione in costume che si tiene ai Giardini di Porta Serio e si conclude oggi.

Nella notte, intorno alle tre, i ladri sono entrati in azione aprendo gli stand della fiera. Una guardia si è accorta di quel che stava succedendo e ha avvisato i carabinieri e ha affrontato i malviventi. Mentre due ladri si sono dati alla fuga, il terzo ha sfoderato un punteruolo e ha minacciato la guardia. Quindi è fuggito riuscendo a far perdere le tracce, mentre i suoi due complici, un senegalese e uno zairese, venivano catturati dai carabinieri. Tutto finito? Neppure per sogno, perché una volta in caserma i due scatenavano una rissa a fatica sedata dai militari, tanto che un carabiniere doveva farsi medicare al pronto soccorso. Mentre tutto ciò accadeva, intorno alle 5 ai Giardini tornava sui suoi passi il terzo ladruncolo che andava ancora una volta a  minacciare la guardia col punteruolo. Nuovo Sos del vigilantes alle forze dell’ordine: sul posto arriva una volante della polizia che intercetta il ladro mentre cerca di vendere bibite a un barista che stava alzando la saracinesca. Erano le 6.30 quando l’uomo, un italiano domiciliato in Puglia già destinatario di un foglio di via, veniva arrestato per rapina impropria e messo in cella. Coi suoi complici comparirà domani dal giudice per il processo per direttissima.